"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Guglielmo Caccia detto il Moncalvo (1568-1625): dipinti e disegni, a cura di Giovanni Romano; Carla Enrica Spantigati (Casale Monferrato/Torino, Museo Civico di Casale Monferrato/Lindau, 1997).

 

Monografia molto rara e ricercata, catalogo di una mostra di grande successo del 1997 sulle opere del grande pittore Guglielmo Caccia detto il Moncalvo.

 

Scheda bibliografica dettagliata

La monografia “Guglielmo Caccia detto il Moncalvo (1568-1625): dipinti e disegni” è stata curata da Giovanni Romano e Carla Enrica Spantigati e pubblicata nel 1997 dal Museo Civico di Casale Monferrato, in collaborazione con Lindau, Torino. Il volume ha un formato alto 23 cm contando 147 pagine, con illustrazioni a colori e in bianco e nero di opere del pittore italiano Guglielmo Caccia, noto col soprannome di Il Moncalvo.

La monografia presenta un catalogo della mostra tenuta a Casale Monferrato nel 1997, organizzata dalla Regione Piemonte, dal Ministero per i beni culturali e ambientali, dalla Soprintendenza per i beni artistici e storici del Piemonte e dalla Città di Casale Monferrato.

Il volume include anche una scheda di autorità su Guglielmo Caccia, Giovanni Romano e Carla Enrica Spantigati, oltre a informazioni sulla mostra e la sua organizzazione. La classificazione Dewey del libro è 759.5 (20.), che comprende la pittura italiana. Il codice identificativo del libro è IT\ICCU\UMC\0992958, mentre l’ISBN riportato è il 88-7180-200-4.

 

Qualcosa sul “Moncalvo”

Guglielmo Caccia, anche conosciuto come Moncalvo, è stato un pittore italiano nato a Montabone nel 1568 e morto a Moncalvo nel 1625. È considerato il più importante esponente dell’arte della Controriforma in Piemonte e viene definito il Raffaello del Monferrato.

Tra le sue opere più importanti, troviamo la Deposizione dalla Croce nella Basilica di San Gaudenzio a Novara, la volta dell’abside e la cupola della chiesa di San Marco sempre a Novara, la chiesa di San Francesco a Moncalvo e l’Annuncio ai pastori per l’Arciconfraternita di San Michele a Casale Monferrato. Inoltre, ha eseguito numerosi lavori per diversi ordini religiosi, come i Barnabiti, e ha collaborato con l’architetto milanese Lorenzo Binaghi per la realizzazione di opere per le chiese milanesi di Sant’Alessandro in Zebedia, San Barnaba e San Paolo Converso.

Tra il 1605 e il 1607 ha dipinto la galleria di Palazzo Reale di Torino, insieme al pittore Federico Zuccari, opera andata distrutta in seguito ad un incendio, come pure gli affreschi sulle volte del Castello di Viboccone, distrutti col complesso nel 1706. Ha anche realizzato il ciclo delle sibille per la chiesa di Santa Maria di Canepanova a Pavia, la pala di Sant’Anna per la chiesa del Carmine e altre opere per la basilica di San Michele Maggiore sempre a Pavia e per il duomo di Monza.

Guglielmo Caccia ha lasciato un’impronta indelebile nell’arte del suo tempo, diventando un punto di riferimento per la pittura del XVII secolo in Piemonte e Lombardia.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su AMAZON

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Saghe mentali”: la ricercatissima biografia di Caparezza (& altri suoi libri)

La biografia più rara del cantautore Caparezza (Michele Salvemini) è “Saghe mentali: viaggio allucinante in una testa di capa”, scritto con Michele Monina (Rizzoli, 2008).

Il libro più importante sul caso J. F. K. purtroppo non si trova più: però…

Risulta introvabile il libro più importante uscito sul caso J.F.K, scritto da Diego Verdegiglio nel 1998, dal titolo: “Ecco chi ha ucciso John Kennedy” (Mancuso Editore); tutte le copie sembrano volatilizzate…

Due “Cantastorie” di Campari (1928-1932) in asta: quando la pubblicità è arte (e l’arte è pubblicità)!

Due dei 5 celeberrimi libricini pubblicitari del Bitter Campari (anni 1927-1932) denominati Cantastorie di Campari – che vedono tra gli artisti coinvolti: Bruno Munari, STO (Sergio Tofano), Ugo Mochi, Primo Sinòpico – sono in asta su Catawiki.

Il Saba delle Streghe: ricerche di un vecchio bibliotecario. Rarissimo su sortilegi, malefici ed incantesimi

Il Saba delle streghe: ricerche di un vecchio bibliotecario, di anonimo (Roma, Edoardo Perino, 1886). Molto raro. Una misteriosa commistione tra stregoneria e bibliofilia?

I “Collages” di Anaïs Nin (Fazi, 1996) al mercatino

ROMA MERCATINO DI VIA SOMALIA Mercoledì 24 Aprile 2024 Avvistata una copia di “Collages” di Anaïs Nin (Fazi, 1996).