"non esiste l'ultimo libro, ma solo il più recente"

Il caso 7 aprile – Toni Negri e la grande inquisizione, di Giorgio Bocca (Feltrinelli, 1980)

Dall’archivio di Enrico Pofi – Correva l’anno 2018 e dalle bancarelle di PORTA PORTESE spuntava…

 

ROMA PORTA PORTESE Domenica 9 Settembre 2018. Su una bancarella di Via Ettore Rolli è stato avvistato un libro del giornalista e scrittore Giorgio Bocca (1920- 2011) pubblicato da Feltrinelli in prima edizione a Marzo 1980: Il caso 7 aprile – Toni Negri e la grande inquisizione.  La data è quella in cui le forze dell’ordine, su mandato della magistratura, eseguirono numerosi arresti contro intellettuali della sinistra non istituzionale, militanti di Autonomia operaia, compresi alcuni professori dell’Università di Padova. Fra costoro Toni Negri, ritenuto il cervello di una organizzazione vicina ai Nap e alle Brigate Rosse. Nel saggio l’autore indaga l’inquietante vicenda e, al di là di ogni verità ufficiale, le ragioni del massiccio intervento giudiziario. Il libro viene offerto a 3 €. (E. P.)

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Dal “Bauhaus” alla “Biblohaus”: o del “minuscolo” in copertina

Una carrellata sull’uso del carattere minuscolo in grafica editoriale, dalla Bauhaus degli anni ’50-’60 fino all’impostazione minimalista della Biblohaus di Macerata. Articolo di Aldo Lo Presti.

“I turchi: Codex Vindobonensis 8626” di Franco Maria Ricci in asta su eBay

Una splendida edizione neo-Bodoniana della F.M.R. dal titolo: “I turchi: Codex Vindobonensis 8626”, con testo di Alberto Arbasino (Franco Maria Ricci Editore, 1971) è al momento in asta su eBay.

Un vero libro cult: “Vita di Maria Sabina la sciamana dei funghi allucinogeni”

Vita di Maria Sabina, di Alvaro Estrada, nell’edizione Savelli del 1982, è ormai diventato un libro cult in Italia. Si tratta della biografia della sciamana messicana Maria Sabina. Il libro è l’unica testimonianza scritta che ci permette di ricostruire la vita e l’attività della grande guaritrice mazateca. Maria Sabina, non parlando lo spagnolo ed essendo agrafa, senza il libro di Estrada non avrebbe avuto modo alcuno di lasciare traccia del suo passaggio in questo mondo.