"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Queste le cinque edizioni catalogate nel Sistema Bibliotecario Nazionale

 

  • Il dominio dell’aria: saggio sull’arte della guerra aerea, con un’appendice contenente nozioni elementari di aeronautica, di Giulio Douhet, Roma, Stabilimento poligrafico per l’amministrazione della guerra, 1921.

 

  • Il dominio dell’aria: saggio sull’arte della guerra aerea di Giulio Douhet, Roma, C. De Alberti, 1927.

 

  • Il dominio dell’aria: probabili aspetti della guerra futura e gli ultimi scritti, del gen. Giulio Douhet; con prefazione di Italo Balbo, Milano, A. Mondadori, [1932]

 

  • Il dominio dell’aria, di Giulio Douhet, Roma, Rivista aeronautica, stampa 1955.

 

 

  • Il dominio dell’aria e altri scritti, di Giulio Douhet; a cura e con un saggio introduttivo di Luciano Bozzo, Roma, Aeronautica Militare, Ufficio Storico, 2002.

 

 

Che cos’era il dominio dell’aria?

Il dominio dell’aria è un libro scritto da Giulio Douhet nel 1932 e narra dell’utilizzo dell’aviazione da guerra, a partire dalle prime esperienze del bombardamento dal cielo, effettuate dagli austroungarici nel luglio del 1849 durante l’assedio di Venezia.

Tuttavia, i bombardamenti aerei per terrorizzare le popolazioni civili furono ideati e messi in pratica dagli italiani, e in particolare proprio dal generale dei bersaglieri Giulio Douhet. Nel 1911, durante la guerra italo-turca, Douhet sperimentò l’utilizzo degli aeroplani non solo per le ricognizioni in campo nemico, ma anche per bombardare le posizioni nemiche ad alta quota.

Il primo vero bombardamento aereo fu effettuato dal sottotenente Giulio Gavotti, che lanciò quattro granate dal suo monoplano su un accampamento turco e sull’oasi di Tripoli. Anche se il danno causato fu limitato, la tecnica si affinò in poco tempo, grazie all’invenzione del primo sistema di innesco e sgancio automatico delle bombe.

Il generale Douhet continuò a riflettere sugli utilizzi degli aeromobili in ambito bellico e sviluppò la teoria del “terrore aereo”. Secondo Douhet, per ottenere la vittoria non era sufficiente distruggere le forze nemiche, ma era altrettanto importante fiaccare il morale della popolazione civile con il bombardamento indiscriminato.

Il suo libro Il dominio dell’aria del 1921 contiene molti dei suoi pensieri su questo argomento, tra cui la seguente citazione: “In ordine al conseguimento della vittoria avrà certamente più influenza un bombardamento aereo che costringa a sgombrare qualche città di svariate centinaia di migliaia di abitanti che non una battaglia del tipo delle numerosissime che si combattono durante la grande guerra senza risultati di apprezzabile valore“.

Questa teoria ha trovato numerosi sostenitori nel corso degli anni, nonostante le controversie sull’efficacia del bombardamento indiscriminato sulla popolazione civile. In ogni caso, l’introduzione dell’aviazione da guerra ha rivoluzionato la strategia militare e ha reso possibile una maggiore precisione e velocità di attacco, oltre che un maggiore controllo del campo di battaglia da parte dei comandanti.

 

 

Disponibilità delle edizioni citate (sempre aggiornato)

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Lo strano caso de “I fantasmi dell’Ostiense” di Tullio Lucidi: storie dalla Romana Gas

Un libro molto difficile da incontrare, un autentico libro scomparso, e ricercatissimo soprattutto dai cacciatori di libri romani; l’autore è Tullio Lucidi per Bulldog Editori, 2001. Sulle tracce della Romana Gas.

A 7 euro in asta “Gerundio” di Dino Buzzati (Milano, Officina d’Arte Grafica A. Lucini e C., 1959) con serigrafie di Salvatore Fiume

Stupisce la presenza in asta di “Gerundio” di Dino Buzzati, con serigrafie di Salvatore Fiume a pochi euro – ma l’asta può impennarsi da un momento all’altro – il volume è stampato in soli 200 esemplari dall’Officina d’Arte Grafica A. Lucini e C. nel 1959.

Il rarissimo “La scuola di Scarabocchio” di Antonio Rubino (1928) in asta su Catawiki

“La scuola di Scarabocchio” di Antonio Rubino (Monza, Cartoccino, 1928) è una rarissima edizione per l’infanzia del noto disegnatore di Sanremo, precursore del fumetto in Italia: una copia in asta su Catawiki.

“Sturiutis furlanis” di Dolfo Zorzut: l’arte dei racconti brevi: quando il friulano è un cult

Dolfo Zorzut nacque a Cormons (Gorizia) il 30 luglio 1894, è stato uno dei prosatori e poeti dialettali più importanti della sua regione. “Sturiutis furlanis” è il libro cult per eccellenza in lingua friulana, È una piccola raccolta di storie brevi friulane. 

“L’arco e la clava”, di Julius Evola (All’insegna del pesce d’oro, 1968) 1° edizione

L’arco e la clava, di Julius Evola (Milano, All’insegna del pesce d’oro, 1968). Rara e molto ricercata la prima edizione.