"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"
Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

 

Il mio Ferrari: memorie di una signora della formula 1, di Fiamma Breschi (Milano, Mursia, 1998).

 

Rarissimo e ricercato libro di memorie – mai più ristampato – di Fiamma Breschi. Nata a Firenze il 24 aprile del 1934 dove si è spenta il 20 novembre 2015. Aveva conosciuto il pilota romano Luigi Musso quando lei aveva diciassette anni e ne rimase affascinata. Lui era già sposato; la loro unione fu uno scandalo a quel tempo, perché lui lasciò moglie e figlia. Dopo la morte di Musso si dice che fosse stata amata anche dallo stesso Enzo Ferrari, di cui divenne consigliera per molti anni. [da: “Un ricordo di Fiamma Breschi, per trent’anni ombra di Enzo Ferrari“, di Fabio Avossa; www.italiaonroad.it/]

Una copia de Il mio Ferrari di Fiamma Breschi è stata venduta su eBay a luglio 2022 per 120 €.

 

L’unicità del libro

Il libro “Il mio Ferrari” è una testimonianza unica nel mondo del motorsport, in cui a raccontare le gesta dei piloti più famosi del dopoguerra è una donna. Fiamma Breschi, compagna del pilota Luigi Musso, mette ordine nei suoi ricordi e ci regala una visione particolare dei protagonisti di una saga indimenticabile.

Il romanzo inizia con una dolce e romantica storia d’amore tra Fiamma e Luigi, che condividevano la passione per le corse automobilistiche. La Breschi segue il suo compagno in tutte le gare del mondo, dagli Stati Uniti al circuito di Monaco, dalla Maserati alla Ferrari.

Ma la vita in Ferrari non è facile: la rivalità tra i piloti della scuderia è molto agguerrita e le pressioni per vincere sono enormi. La Breschi non esita a svelare i retroscena poco edificanti del mondo delle corse, denunciando la freddezza e l’indifferenza di Enzo Ferrari verso i propri collaudatori e il duro confronto interno tra i piloti.

Il libro è anche un’occasione per scoprire il vero Enzo Ferrari, descritto dalla Breschi come una persona dozzinale e con modi poco eleganti. Tuttavia, la scrittrice fa ammenda affermando di aver appreso molto da lui, non tanto per quello che le ha detto ma per quello che le ha fatto vedere.

In “Il mio Ferrari” ci sono anche aneddoti divertenti e curiosità sulle automobili delle corse, come l’episodio in cui il pilota Musso ed altri quattro complici spostano l’auto di Fangio nel parcheggio dell’albergo, con tanto di scritta “in vendita” sul parabrezza.

Il libro, pubblicato nel 1998 e edito dalla casa editrice Ugo Mursia, conta 110 pagine ed è stato scritto dalla stessa Fiamma Breschi, la quale è stata un tempo consulente personale di Enzo Ferrari.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su AMAZON

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Guglielmo Shakespeare Crollalanza, il sacro attore dei Rosacroce” in libreria

ROMA LIBRERIA SIMON TANNER, Via Lidia – Venerdì 11 Ottobre 2019 – Avvistato un nuovo libro del Prof. Domenico Rotundo, il più interessante forse tra quelli qui proposti, dove si svelerebbe la vera identità del grande William Shakespeare. Italiano?

“Usiamo la testa” (Frassinelli 1986) di Tony Buzan: ecco un vero e proprio longseller!

Difficile avvistare in rete una copia della prima edizione di “Usiamo la testa”, di Tony Buzan (Milano, Frassinelli, 1986).

la prima edizione italiana di “Dracula” di Bram Stoker con una veste editoriale degna

Questa edizione in particolare è la seconda edizione italiana integrale (dopo quella dello stesso editore del 1945), e dopo la prima edizione italiana in assoluto, quella del 1922 uscita per Sonzogno, che però non riporta il testo integrale del romanzo.

Le stupefacenti “Bizzarrie letterarie” di Don Anacleto Bendazzi

Uno dei “padri” dell’enigmistica in Italia è senz’altro il ravennate Don Anacleto Bendazzi (1883-1982), autore di un solo libro, ma fondamentale. Di lui Stefano Bartezzaghi ha scritto: “Il più fenomenale fra i giocatori verbali italiani del suo tempo”.

“Biopoesia marina” (1979) di Claudia Salaris: gioiellino perso nelle nebbie del tempo che fu fatto stampare da Vincenzo Mollica

La biopoetica è quella disciplina che si propone di far convergere scienze del bios e teoria letteraria nel contesto più ampio di uno studio del comportamento narrativo e della nicchia ecologica dell’Homo sapiens.