“Sull′inutilità dei libri sarebbe utile scrivere un libro”

avventure di un bibliofilo | Speciali  /  
31 Maggio 2020

“Il romanzo nero”, la collana di soli 4 libri che nessuno può finire!

Il romanzo nero: la collana di un genio dell’editoria, nata e morta nel 1944

Quando “finire” una collana sembra un gioco da ragazzi, ma…

Il romanzo nero è una collana dedicata alla letteratura cosiddetta “nera”  a cui nel 1944 l’editore Donatello De Luigi dette il via, proprio durante il periodo bellico. Intenzioni lodevoli ma furono pubblicati solo 4 libri. Siamo nella Roma liberata, con tutte le difficoltà dei tempi. Con tutte le limitazioni imposte dalla penuria di materie prime, dalla penuria di lettori e quindi di compratori. Del geniale editore Donatello De Luigi in pochi sanno e in pochissimi hanno scritto. L’unico è forse Gianni Giovannelli nel suo articolo L’uomo in frac: Donatello De Luigi genio (dimenticato) della Roma liberataCharta», n. 141-2015, pp. 40-45). Intanto c’è il merito di aver portato per primo in Italia l’immortale capolavoro di Mary Wollstonecraft, meglio conosciuta come Mary Shelley, la creatrice ottocentesca di Frankenstein, poi divenuto un cult horror di ogni epoca.

Colpo di scena: nessuno può dire di possedere “realmente” il n. 4

Soltanto il Sistema Bibliotecario di Milano possiede tutte le uscite della collana; e Bruno Baronchelli e Massimo Felletti tra le collezioni private (tra i dati a noi noti). Oggi come oggi mettere assieme queste autentiche 4 perle della letteratura “nera” è arduo, anche solo in considerazione della valutazione di Frankenstein e della rarità de La leggenda del castello nero.

Ma c’è anche un piccolo colpo di scena. Secondo l’OPAC SBN, nella collana ci sono due n. 3 e nessun numero 4. Il bibliotecario attento e scrupoloso, infatti, all’atto della schedatura del libro legge il colophon e il frontespizio – che fanno realmente testo. La copertina può risultare (e in molti casi lo è) fuorviante. Per non dire della costola. Se si osserva la costola (dei numeri 3 e 4 della collana) tutto sembra regolare. Ma se si aprono i volumi ecco che viene fuori la disimmetria.

Esatto! Nella collana ci sono formalmente due numeri 3 e nessun numero 4. L’OPAC SBN si è dovuta inchinare all’evidenza ed entrambi i libri sono schedati come “numero 3”. Ma c’è di più! Se osservate attentamente (molto attentamente) il n. 4 stampigliato sulla costola de La leggenda del castello nero osserverete che il “4” appare assai più grande in dimensione degli altri numeri della collana e si ha come il sospetto che sia stato “sovraimpresso” ad un precedente numero (il 3?) per correggere un errore di tipografia.

Ecco il motivo per cui nel titolo di questo articolo ho scritto “la collana di soli 4 libri che nessuno può finire”. Perché nessuno può realmente dire di avere il numero 4 della serie, in quanto, tecnicamente, ci sono due numeri 3.

Trovabilità dei 4 libri

Romanzo nero n. 1 – Frankentein, di Mary ShelleyUna copia in vendita su eBay al costo di 319 € spedizione inclusa.

Romanzo nero n. 2 – L’ignoto, di Paul HervieuUna copia in vendita su eBay al costo di 34,80 € spedizione inclusa.

Romanzo nero n. 3 – Il confessionale dei penitenti neri, di Anna RadcliffeUna copia su Comprovendolibri al costo di 14,50 più spedizione  –  Una copia su eBay al costo di 35,50 € spedizione inclusa.

Romanzo nero n. 3 bis – La leggenda del castello nero, di Igino Ugo Tarchetti – Nessuna copia disponibile al momento sui principali canali di acquisto.

 

[Si ringrazia Bruno Baronchelli per la consulenza e il corredo fotografico; Massimo Felletti e Roberto Labanti per le informazioni rese e le precisazioni]

 

Condividi:

Tag

Edizioni SO

Libri più cercati

FASHION & BOOKS

Harry Potter

Tolkien

stephen king

Futurismo

BIBLIOFILIA

Bibliofilia Low cost

Altri articoli sul Blog

“Luminal” di Isabella Santacroce al mercatino

ROMA MERCATINO DI VIA ROITI (ZONA MARCONI) Lunedì 26 Agosto 2019 Avvistato “Luminal” della scrittrice Isabella Santacroce. Non si tratta della prima edizione assoluta pubblicata da Feltrinelli nella collana I Canguri a maggio 1998 ma della prima edizione economica. Per chi vuole conoscere questa autrice.

Condividi:

Un raro libro di condanna degli Hippies e del mondo Beat

“Hippies droga e sesso”, di Suzanne Labin (Edizioni Landoni, 1971) è un libro che condanna il fenomeno Beat in maniera inappellabile, accomunando termini fra loro distanti, conferendo ogni gradazione possibile di negatività, eppure, al tempo stesso, è un libro cult al rovescio tra i più significativi del fenomeno Beat.

Condividi:

Il primo libro con guinzaglio della storia, una copia spunta su eBay…

“Aprimi… sono un cane io!”, di Art Spiegelman (Mondadori, 1997), con introduzione di Aldo Busi, è un libro pop-up, con la particolarità di possedere un autentico guinzaglio, in fettuccia, direttamente attaccato sullo spigolo alto sinistro del libro.

Condividi:

“Edwin H. Land e la Polaroid”, di Peter C. Wensberg: quasi una chimera!

Molto rara e attivamente ricercata l’unica edizione italiana della biografia di Edwin H. Land, l’inventore della Polaroid.

Condividi:

…su eBay c’è “Accesso negato alla verità”, libro cult dei cospirazionisti

“Accesso negato alla verità”, di Cathy O’Brien e Mark Phillips può essere ormai a pieno titolo considerato un libro cult, quando si parla di controllo mentale governativo e di manipolazione dei sistemi di informazione.

Condividi: