"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
si segnala che... | Speciali  /  
03 Marzo 2018

Su Abebooks venduto “Questo è Cefis” di Giorgio Steimetz a 12 €

Venerdì 2 Marzo 2018, h. 22.40 circa

Grande colpo su Abebooks. Un anonimo acquirente si è appena portato a casa una copia del rarissimo Questo è Cefis di Giorgio Steimetz (Milano, AMI, 1972), uno dei libri più ricercati in assoluto dai collezionisti e cacciatori di libri. La notte porterà forse consiglio a coloro che, nonostante gli alerts impostati magari da anni, non sono riusciti ad arrivare primi sul traguardo. Il libro è comparso online nella tarda serata del 2 Marzo 2018 ed è stato venduto immediatamente. Il libraio che lo ha venduto è della provincia di Roma. Ecco la brevissima comparsa del libro sul portale Abebooks:

 

Ma perché Questo è Cefis è così ricercato?

Perdonate la generosa autocitazione, ma tutto nacque nel maggio del 2010, quando uscì il mio Manuale del cacciatore di libri introvabili (Biblohaus Edizioni). Il libro di Giorgio Steimetz era già conosciuto, ma l’attenzione che io vi dedicai sul Manuale, in tutta sincerità e scusate l’immodestia, ne ha decretato il passaggio a libro cult. Riporto uno stralcio dal libro:

[…] Ecco che entra in scena Questo è Cefis, di Giorgio Steimetz. Il libro è citato dallo stesso Pasolini in Petrolio. Secondo quanto pubblicato su Profondo NeroEugenio Cefis aveva un potere assoluto negli anni Settanta. Oltre ad aver passato il testimone della loggia massonica P2 al duo OrtolaniGelli, dando il via ad una fase di importanza capitale della nostra Repubblica, riuscì (o sarebbe riuscito) a far sparire dalle librerie questa biografia non autorizzata, che minacciava di screditarlo.

Molti hanno segnalato che neppure le biblioteche nazionali sono più in possesso di copie di Questo è Cefis. Apparentemente il libro risulta regolarmente schedato, ma se l’addetto va a prenderlo a scaffale, non lo trova. Ma Questo è Cefis non è del tutto scomparso. Proprio un attimo prima che questo libro vada in stampa, Massimo Gatta mi fa notare che, all’interno di una copia da lui consultata, è spuntata una cartolina editoriale quanto mai interessante, nella quale l’editore invita il lettore a sollecitare presso la Procura Generale della Repubblica di Roma un intervento teso a indagare sui casi di “malcostume e sui sistemi del sottobosco corrente” avanzati dall’autore.
Non mi scordo neppure per un attimo che quello che sto scrivendo è un manuale per aspiranti cacciatori di libri introvabili, e che il libro di Steimetz si presta in maniera eccezionale a fare da esempio. Questo è il “motivo scatenante” della sua utilizzazione nella realizzazione della sovraccoperta del presente Manuale.
Come deve comportarsi un cacciatore che si rispetti? Rispondere a questa domanda è semplicissimo. Nel caso fortunatissimo in cui egli possegga una copia del libro, deve venderla sfruttando il momento particolarmente favorevole in cui tutti ne parlano. Se invece si trova dall’altra parte del tavolo, non deve comprarlo. Lo pagherebbe molto di più del suo valore effettivo. Eppure, in quelle settimane di marzo di copie nel “mercato” ne capitarono ben tre. Evidentemente c’era chi lo teneva nascosto, aspettando il momento favorevole. La prima fu venduta in provincia di Imperia, con una trattativa privata non programmata. Un collezionista, forse incautamente, si vantò in pubblico di possedere una copia di “quel libro di cui parlano tutti i giornali e che Dell’Utri metterà in mostra a Milano assieme al manoscritto Lampi sull’Eni”. Immediata l’offerta (1.200 euro), altrettanto la vendita. Le altre due copie in vendita si “manifestarono” (come fossero oscure entità…) nelle settimane successive, una a Milano e l’altra a Roma, con richieste fino a duemila euro. Le inserzioni sparirono improvvisamente. Vendute? Ritirate? Chissà.

Dal 2010 in poi, pertanto, non c’è stata pace per questo libro. Io credo di aver ricevuto un centinaio di richieste dirette. Come se, averne parlato, significasse detenerne uno scatolone. Magari! E se domandate a dieci librai a caso lumi su questo libro, ognuno vi potrà raccontare aneddoti e curiosità da farne a sua volta una pubblicazione.

Nella galleria fotografica che segue, si possono vedere a confronto la copertina del libro di Giorgio Steimetz e quella del Manuale del cacciatore di libri introvabili (altresì conosciuto come Questo è Berni):

 

Ultim’ora:

Annullata la vendita di Questo è Cefis

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Un libro raro che non ti aspetti! Le avventure coloniali minori

Sapevate dei possedimenti coloniali della Danimarca? India, Guinea e Ghana. E di quelli della Scozia? Nord America e Giamaica. E che dire delle colonie del Ducato di Curlandia? Isola di Sant'Andrea e Tobago. Un libro geniale, quello di Ferdinando Angeletti (Macerata,...

Il Sumo di Helmut Newton: quando il libro è solo un pretesto

Uno dei più bei libri di fotografia mai prodotti: un colosso di 30 kg che tra vent’anni avrà un valore inestimabile. Oggi si può ancora prendere. Solo la prima edizione numerata, mi raccomando….

“Hitler ha vinto la guerra” di Walter Graziano in bancarella

MILANO FIERA DI SINIGAGLIA Sabato 27 Ottobre 2018 avvistato “Hitler ha vinto la guerra”, di Walter Graziano (Roma, Arcana, 2005).

Dopo la notizia della morte di Giampaolo Pansa è caccia alle prime edizioni sotto i 10€

A poche ore dalla notizia della scomparsa del giornalista e scrittore Giampaolo Pansa è già caccia su eBay alle prime edizioni a basso costo, prima che possano alzare di prezzo. Questa prassi è molto comune nel campo della compravendita di libri usati.

“Caneserpente” di Gian Ruggero Manzoni: lo strano caso di due libri diversi con lo stesso titolo!

Spunta una copia del rarissimo “Caneserpente” di Gian Ruggero Manzoni (Walberti, 1985), prima edizione in poesia (la seconda edizione è in narrativa) di un libro cult sul tema della contestazione giovanile anni ’70. Ne approfittiamo per fare due chiacchiere con l’autore.