"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"
Images Des Antilles, di Lionello Fiumi (testo); Adriano Gajoni (illustrazioni) (Paris, Les editions des presses modernes, 1937) [in Francese]

 

Esemplare in asta su Catawiki – l’asta chiude alle h. 22:06 circa del 1° gennaio 2021.

 

Straordinario lotto che comprende, oltre alla prima edizione francese di Images Des Antilles, di Lionello Fiumi, coeva dell’edizione italiana della Augustea. anche del materiale cartaceo estremamente interessante. Tre poesie manoscritte, una lettera manoscritta, un dipinto-cartolina dell’autore eseguito probabilmente dal giovane pittore modenese Eliano Fantuzzi e poi un disegno originale a inchiostro del pittore milanese Adriano Gajoni.

 

Dalla scheda del venditore:

Lionello Fiumi. Parigi: Les editions des presses modernes (1937). Ecco un esempio unico di “Images Des Antilles” di Lionello Fiumi. Il libro annotato dall’autore. Composto da; 3 poesie manoscritte, una lettera manoscritta, fotografia dell’autore, disegno a inchiostro originale di Adriano Gajoni e dedica a inchiostro a metà titolo. Una delle 45 copie dell’edizione limitata. Si prega di vedere le immagini per i contenuti completi. Fascicolazione: 158 pagine. Rilegato negli involucri originali; usura ai bordi e con minima perdita. Contenuto: un po ‘tonico e con qualche macchia, ma un ottimo esempio. Si prega di vedere le immagini per un’ulteriore descrizione. Formato di 23 x 16 cm.

 

 

Chi sono gli autori

Lionello Fiumi (1894-1973), nato a Rovereto, è stato uno scrittore e poeta tra i più noti della sua epoca. Dopo aver superato alcuni problemi nervosi adolescenziali, trasferendosi in nord Europa, comincia  a crescere in lui la passione per la poesia. In Italia, dove ritorna a vent’anni, stampa la sua prima raccolta, Polline (Milano, Studio Editoriale Lombardo, 1914); importante per l’Appello neoliberista. Da quel momento, per conoscendo, apprezzando e tenendo in considerazione la nascente avanguardia futurista, con la quale parimenti predilige una poesia a “versi liberi”, conscio che vada assolutamente superato il passatismo classicista italiano, ancorato a schemi preimpostati, egli va decisamente in direzione di una “terza via”.

Nell’Appello neoliberista della sua prima opera egli inaugura il movimento che poi sarà detto  Avanguardismo, e che troverà il suo centro ideologico di “speciazione” presso la rivista La Diana.

Fiumi rivendica la struttura libera dei suoi versi poetici – ma non futurista. Come accennato, egli non è del tutto contrario al Futurismo in sé, che anzi considera uno sprone per la gioventù, apportatore di energia creativa e rinnovamento fattivo. Tuttavia, lo deplora quando il Futurismo si ripiega su se stesso, andando alla ricerca dell’eccesso e dell’assurdo.

Si trasferirà poi a Parigi, dove rimarrà fino al 1940 diventando un paladino della cultura italiana con innumerevoli interventi in vari settori, scrivendo, traducendo e presentando.

Adriano Gajoni (1913-1965) fu un pittore, che lavorò anche in Francia, Viene riportato come egli “non amasse mai comparire, impendendo che i suoi lavori arrivassero in asta e nelle gallerie“.

 

Disponibilità di ulteriori copie (sempre aggiornato)

 

Immagini delle Antille, FIUMI, Lionello. Roma, Augustea, 1937

EUR 71,50
Disponibile su ABEBOOKS
Compralo Subito per soli: EUR 71,50
Compralo Subito

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Due “parole per” Gianni Mura: ci ha lasciati un maestro di giornalismo (e un poeta)

Con il ricordo del giornalista Gianni Mura c’è il pretesto per parlare di copie con dediche autografe: cose da fare e cose da non fare.

“Libro illeggibile n. XXV” di Bruno Munari (1959): una copia in asta

Nel 1949 Bruno Munari progetta per la prima volta una serie di “libri illeggibili”, opere che definitivamente rinunciano alla comunicazione testuale a favore della sola funzione estetica. Alcuni esemplari sono esposti al MoMA di New York. Tra di questi, l’esemplare XXV, prodotto in appena 300 copie, è particolarmente raro.

Sempre raro il controverso “Arcobaleno Beat” di Domenico Celada (1970)

Si tratta della testimonianza di Don Domenico Celada, che nel 1970 fa una vera e propria indagine sociologica sui giovani e sull’omosessualità. Ne viene fuori un affresco però molto goffo e infarcito di luoghi comuni sul mondo gay e su quello della prostituzione giovanile.

RARISSIMO LIBRO FANTASCIENZA VINTAGE IL RAGGIO ROSSO JOHNS LA SORGENTE 1959

Il raggio rosso, di W. E. Johns (Milano, La sorgente, 1959). Romanzo di fantascienza raro e poco conosciuto. William Earl Johns (1893 - 1968) è stato un pilota inglese della prima guerra mondiale e scrittore di storie d'avventura, solitamente scritte con lo pseudonimo...

“Gelo” di Thomas Bernhard nella prima edizione italiana (Einaudi, 1986): una copia a un prezzo interessante

Rara prima edizione italiana di un classico del grande scrittore, poeta e drammaturgo austriaco Thomas Bernhard (1931-1989). Libro che difficilmente si incontra ormai con valutazioni al di sotto dei 100 euro.