"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Italia Overground: mappe e reti della cultura alternativa, di Sandrone Dazieri (Roma, Castelvecchi Editoria & Comunicazione srl di Roma, 1996)

ROMA LIBRERIA PUGACIOFF – Via Andrea Busiri Vici – Mercoledì 16 Dicembre 2020 In questa libreria, sita in una traversa di Viale dei Quattro Venti al Quartiere Gianicolense, trovai, tempo fa, un interessante libretto (in formato ottavo piccolo) a cura di Sandrone Dazieri (all’anagrafe Sandro Dazieri – classe 1964), giornalista, scrittore (si è cimentato in vari generi: giallo, horror, fantascienza, spionaggio), sceneggiatore (sia di cinema che di fumetti) e attivista politico e culturale. Il pamphlet s’intitola: Italia Overground: mappe e reti della cultura alternativa e lo ha pubblicato in prima edizione Castelvecchi Editoria & Comunicazione srl di Roma a settembre 1996, nella collana Contatti.

A questo punto, vale la pena di spendere qualche parola per illustrare la figura dell’autore, in quanto, oltre che giornalista pubblicista, collaboratore con Il Manifesto e con varie riviste di cultura, di politica e di spettacolo, fu anche un attivo militante nel centro sociale, Leoncavallo, fondato a Milano nel 1975 “quale spazio pubblico autogestito“, impegnandosi, in tale veste, in lotte ambientaliste e per il diritto alla casa. Dazieri venne anche arrestato e processato, ma poi sempre prosciolto, per reati che andavano dall’occupazione abusiva alla manifestazione non autorizzata. Ricordiamo da ultimo che Dazieri nel 2004 fu anche tra i firmatari dell’appello per la scarcerazione di Cesare Battisti.

Dopo questo ampio preambolo sull’autore, per sapere di cosa tratta il libro appare opportuno rifarsi alla quarta di copertina:

Overground è la nuova proposta culturale di chi vuole vivere due metri sopra le righe degli eventi culturali e sociali e non due metri sotto, come sembrerebbe suggerire il più noto e usurato termine underground”.

In definitiva e in altre parole, la pubblicazione vuole essere una preziosa guida, con tanto di indirizzi e schede descrittive, dei centri sociali, delle radio libere, delle etichette musicali indipendenti, delle reti internet antagoniste, delle riviste, dei fumetti, delle case editrici e librerie anch’esse indipendenti, nonché delle compagnie teatrali emergenti e dei videomaker più innovativi presenti in Italia. Una particolarità degna di nota del libro è nell’introduzione, ove leggiamo che chi non si vedrà citato, pur ritenendo di rientrare, a ragione, in una delle tante categorie presenti nelle pagine oppure indicato in maniera incompleta e/o errata, non ha che da compilare e spedire alla casa editrice la scheda di segnalazione allegata alla pubblicazione. Il libro, un brossurato di 303 pagine, costava, come nuovo, 5 euro. Neanche a dirlo: questo libro è senza diritti derivanti dal copyright! (E. P.)

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Un romanzo che pochi conoscono perché il titolo a un certo punto della sua storia cambia: “Il castigo della democrazia” di Daniel Halévy

Copie di tutte e quattro le edizioni italiane del romanzo di utopia “Storia di quattro anni”, di Daniel Halévy, sono ricercabili dal cacciatore di libri per un libro sottovalutato, che lanciò cento anni fa un presagio che si abbatte sulla nostra epoca.

“Fiabe del sottosuolo” di Giuseppe Sermonti: un’ipotesi meravigliosa

ROMA PORTA PORTESE Domenica 10 Luglio 2022 Con “Fiabe del sottosuolo” (Rusconi, 1989) Giuseppe Sermonti ha rivisitato le fiabe classiche, pensandole e ipotizzandole come tecniche di memorizzazione di segreti industriali del passato, in particolare sull’estrazione dei metalli.

“Le forche caudine” di Enzo Tortora (1967). Ci sono 3 prime edizioni?

A spasso per Roma ci imbattiamo in un piccolo ma tenace mistero: del libro “Le forche caudine” di Enzo Tortora, il noto presentatore, sembrano essercene tre diverse edizioni per lo stesso editore e stesso anno 1967. Ma tutto era nato qualche anno prima sulle pagine di una rivista “inesistente”: La Parrucca.

“Ci vediamo mercoledi: gli altri giorni ci immaginiamo” (Mazzotta, 1978): il femminismo nell’immagine

Pubblicato nel 1978, Ci vediamo mercoledì: gli altri giorni ci immaginiamo è un libro voluto da un gruppo di donne artiste e femministe, da sempre impegnate a riflettere sul potere dell’immagine e sulle sue potenzialità espressive.

“Federigo Bobini detto Gnicche”: il bandito di Arezzo (Tipografia Salani, 1880 circa)

Un raro libricino (Tipografia Salani, 1880) sul famigerato bandito Gnicche di Arezzo, al secolo Federigo Bobini, nel pieno dell’epopea del Far West toscano. L’asta chiude a mezzanotte di oggi.