"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
un libro che non ti aspetti  /  
12 Settembre 2020

“Letters From The Dead: in Memory Of Pelle Ohlin (1969 – 1991)” di The Old Nick

Letters From The Dead In Memory Of Pelle Ohlin (1969 – 1991) Edited by The Old Nick (Oslo, Deathlike SIlence Productions, 2016).
Brossura, 48 pagine. Edizione limitata in 666 esemplari. Libro rarissimo, molto ricercato dai fans delle band di Black metal, non risulta essere stato ristampato. Libro cult assoluto.

 

 

Di cosa parla il libro

Questo piccolo libretto contiene la corrispondenza (siamo nel  1990) tra The Old Nick, proprietario di una fanzine italiana e distributore di musica (in realtà Nicola “Nick” Curri), e Dead, che vendeva dischi di Deathlike Silence a Nick per essere piazzati in italia. Non si tratta di stucchevoli lettere, perché Dead elabora molte questioni a lui vicine, inclusa la sua esperienza di pre-morte quando era un bambino, i suoi pensieri sul satanismo, l’occultismo e il vampirismo. Questi testi sono una testimonianza di grande valore per poter comprendere uno dei protagonisti più controversi, chiacchierati ed emblematici della  scena musicale Black Metal.
Dead era lo pseudonimo di Per “Pelle” Yngve Ohlin (1969-1991), un cantautore svedese, membro del gruppo musicale norvegese di Black MetalMayhem”. Il leader della band era noto per le sue stravaganze e per l’ossessione del concetto di morte.
Nel febbraio 1990, a Jessheim, durante un concerto, Dead arrivò a sfregiarsi ripetutamente il corpo al fine di allontanare i poser lì presenti; le ingenti perdite di sangue gli procurarono la perdita dei sensi e venne immediatamente ricoverato in ospedale. In seguito dichiarò:
«Mi sfregiai le braccia con un coltello e una bottiglia rotta di Coca Cola. Molte persone lì erano buone a nulla e non voglio che loro guardino i nostri concerti! Prima che iniziassimo a suonare c’era una folla di circa 300 persone, ma durante il secondo brano Necro Lust, iniziammo a lanciare le teste di maiale. Solo 50 rimasero, mi piacque! Mi innervosisco con quelle persone con la testa fra le nuvole, così strofinai il sangue sulle mie braccia, noi vogliamo spaventare coloro che non dovrebbero essere ai nostri concerti»
Dead era inoltre noto poiché usava seppellire i propri vestiti e dissotterrarli prima dei concerti, per ottenere un aspetto il più simile possibile a quello di un cadavere; giunse addirittura a chiedere di essere lui stesso sepolto.

 

L’editore

La Deathlike Silence Productions (spesso abbreviata anche come DSP) è stata un’etichetta musicale indipendente di Oslo, in Norvegia fondata nel 1989 (chiusa nel 1994) e concentrata maggiormente sul black metal; fu la prima specializzata in questo genere. L’etichetta venne aperta da Euronymous, che la gestì fino alla sua morte per omicidio nel 1993. Il nome derivava dalla canzone Deathlike Silence dei Sodom (contenuta nell’album Obsessed by Cruelty). All’inizio l’etichetta metteva sotto contratto solo gruppi norvegesi ma successivamente, verso gli ultimi anni di attività, Aarseth allargò le prospettive ad altri paesi come la vicina Svezia e al Giappone. Con la morte di Euronymous e la fine dell’etichetta discografica, gran parte del materiale prodotto è divenuto piuttosto raro. Inclusi i pochi libri che ha stampato negli ultimi anni, dopo la chiusura come etichetta discografica.

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

Sullo stesso argomento:

 

“GRISHJÄRTA” DI NATTRAMN: IL LIBRO CULT DEL DEPRESSIVE BLACK METAL

 

[Si ringrazia Daryusha Fabris per la prima segnalazione]

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Creatività la sintesi magica” di Silvano Arieti: il libro cult di un grande psichiatra italiano (e poi c’è Star Trek…)

Opera e libro cult dello psichiatra pisano Silvano Arieti (1914-1981), considerato tra i massimi studiosi di schizofrenia del XX secolo. L’opera in questione rende noti i molteplici interessi di questo scienziato e al tempo stesso apre un filone importante che pone la creatività alla base dell’intelletto dell’uomo moderno. E poi c’è Star Trek!

Quando De Angelis accusò di plagio Albert Camus per “La Peste”

Il curioso caso dell’accusa di plagio ad Albert Camus per il suo capolavoro “La peste” da parte di Raoul Maria De Angelis, autore – quattro anni prima – de “La peste a Urana” con Mondadori. Articolo di Carlo Ottone.

Uno strepitoso foto-album del Congo Belga e Ruanda (anni ’50) in asta su Catawiki

Le foto risalgono approssimativamente agli anni ’50 del XX secolo. Siamo nel Congo Belga e nel Ruanda. Sono principalmente ritratti della popolazione indigena. L’album è composto da 39 pagine e contiene più di 300 foto.

In asta su eBay “Io, via Poma e… Simonetta” di Salvatore Volponi: il libro scomparso sul caso Cesaroni

L’apparizione su eBay di una copia di “Io, via Poma e… Simonetta” di Salvatore Volponi (E.N.I.A.P.A.S., 2004), il libro scomparso sul delitto di Via Poma, è anche il pretesto per un’indagine sui libri scottanti e rarissimi sul caso.

“Gnòsi delle Fànfole” di Fosco Maraini: i collezionisti fanno pazzie per questo libro!

I collezionisti sempre più fanno pazzie per “Gnòsi delle Fànfole” di Fosco Maraini (prima edizione 1994), un titolo su cui conviene indagare e valutare.