"non esiste l'ultimo libro, ma solo il più recente"

 

Alla ricerca dei “Salgariani” perduti

di Alessandro Zontini

[da Il Piccolo di Cremona, per gentile concessione]

 

Le grandi cose passano sempre inosservate

Nell’estate del 2011 si tenne a Falconara Marittima, nell’ambito dell’annuale “Mostra del fumetto” locale, un’importante mostra dedicata a Emilio Salgari ed alle sue innumerevoli pubblicazioni. La manifestazione, ottimamente organizzata e che ebbe il fondamentale contributo dalla “Fondazione Rosellini” di Senigallia mirava a riorganizzare in modo coerente e filologicamente corretto il “mondo salgariano” recuperando l’impressionante produzione narrativa dello scrittore torinese ed anche quella dei suo innumerevoli emuli.

In occasione della mostra, di livello alto e specularmente inverso al tragico disinteresse nazionale rilevato (due pagine del Resto del Carlino, in data 25 agosto 2011, e poco altro), venne approntata, a cura della suddetta Fondazione, una meravigliosa monografia stampata in sole 999 copie. Il volume, riccamente illustrato, rappresenta, probabilmente, l’acme delle indagini svolte sul complicato “corpus” delle opere di Salgari (di analoga importanza anche il volume di Vittorio Sarti edito, nel 1994, dalla Sergio Pignatone editore di Torino).

Il nome Emilio Salgari non abbisogna di alcuna presentazione sia per quanti hanno letto i suoi romanzi sia per quanti, ragazzi negli anni ’70, hanno gioito e pianto per le vicende del suo più celebre eroe: Sandokan. Nel 1976 la RAI TV trasmise lo sceneggiato, in 6 puntate, diretto da Sergio SollimaSandokan” (interpretato da un efficacissimo Kabir Bedi) che catalizzò l’interesse nazionale proponendo le vicende della Tigre di Mompracem, dei suoi “tigrotti”, di Yanez, di Lady Marianna e di Sir James Brooke (un Adolfo Celi, perfetto in quel ruolo): milioni di telespettatori non si persero una sola puntata. Il successo, così eclatante, aveva un solido precedente: il grande apprezzamento di cui avevano goduto i personaggi di Salgari, fin dalle prime apparizioni dei suoi libri, alla fine dell’’800.

 

Il “nutrimento” storico di Salgari

Il momento storico, va stigmatizzato, giovò non poco al successo dello scrittore veronese ma torinese d’adozione.
Conclusosi, infatti, l’avvincente periodo storico delle grandi esplorazioni africane della fine del ‘800 (periodo che, per l’Inghilterra, aveva segnato un’importante estensione del proprio impero coloniale, mentre per la giovane Italia aveva rappresentato la sconfitta di Adua del 1896, il massacro di Vittorio Bottego sul Daga Roba nel 1897, e ancor prima la morte di Romolo Gessi nel 1881 e ben poche soddisfazioni), l’interesse mondiale volgeva il proprio sguardo verso l’oriente che, giusto per indugiare nell’ambito delle ovvietà, era sempre “misterioso”.

Jack London, allora giovane corrispondente di guerra durante lo scontro russo-giapponese, conclusosi con l’affondamento della flotta navale dello Zar Nicola II nella battaglia di Tsushima ad opera dell’ammiraglio Heihachiro Togo, aveva coniato il famoso slogan: “Attenti al pericolo giallo!” (non si sa perché, in seguito, attribuito a Benito Mussolini) ed aveva, ulteriormente, con i suoi articoli, catalizzato l’attenzione popolare europea verso il lontano “oriente”.

Non fu immune da tale fascinazione anche Emilio Salgari che ambientò, peraltro senza esserci mai stato, gran parte delle sue vicende nell’estremo oriente. Giova, tuttavia, ricordare che lo scrittore torinese si concesse incursioni geografiche-letterarie anche in Antartide, Artide, Africa, Brasile, Cipro, Cuba, Egitto, Foresta Amazzonica, Stati Uniti d’America, giungendo perfino a Cremona: nel suo romanzo di proto-fantascienza del 1907 Le meraviglie del 2000, compendio immaginifico di macchine fantastiche, razzi interplanetari, città sottomarine ed altre fantasticherie, si cita persino la città del Torrazzo.
Come accennato, il successo letterario di Salgari fu enorme e, come facilmente prevedibile, una pletora di autori si dedicarono alla neonata moda “salgariana” cercando, spesso solo per meri intenti economici, di emulare l’autore torinese pur senza averne le doti letterarie. Alcuni, probabilmente a causa della scarsa tecnica letteraria o della banalità dei soggetti proposti, sono, perlopiù, stati l’oggetto di un ingeneroso oblio.

 

Un emule particolare

Tra i tanti, va ricordato Carlo De Mattia noto per esser stato, genericamente, uno “scrittore di letteratura per giovani”. Se su eBay è, allo stato, presente qualche suo libro, a prezzo accessibile, del suo volume L’isola dei Ming è risorta (Milano, Edizioni “La Prora”, 1932), viceversa, si son perse le tracce.

L’unico esemplare noto di tale libro (di cui De Mattia ha realizzato anche le illustrazioni) è conservato presso il Sistema Bibliotecario di Milano.
Eppure il volume è singolare, risultando una perfetta – ed inaspettata – crasi tra il romanzo d’avventura esotica, che paga un pesante tributo al mondo salgariano ed ai suoi canoni e, al contempo, un romanzo d’amore che, pure, paga pegno alla letteratura “rosa” tanto diffusa negli anni ’30 (si pensi ad autrici quali Liala, Mura, Neera, etc.)!
Le vicende avventurose, ambientate nel Mar della Cina, a Giava, a Macao, a Singapore hanno, quali protagonisti principali, l’italiano Roberto e la bellissima Ester Klaus; la loro storia d’amore fa da “canovaccio” a tutti gli stereotipi dell’avventura salgariana che sono, abbondantemente, presenti.

Tra i personaggi, caratterizzati da qualche venatura che oggi, nell’epoca dell’insulso “politically correct”, definiremmo “razzista”, primeggiano “il malese”, il capitano giapponese Soritomo Satsuma (che era sì un orientale ma del Giappone e quindi, nell’accezione dell’autore, meritevole di rispetto), Lao Tsun, il più famoso bandito dei mar della Cina e contrabbandiere d’Oppio e l’usuraio, ovviamente ebreo, Geremia Klaus.

Peraltro, l’avido e severo Klaus che vuol comperare da Roberto, ad un certo prezzo, una preziosa scatola di giada (pur sapendo che vale almeno venti volte di più) incontra la ferma e sdegnata opposizione della figlia Ester che si oppone vigorosamente a che il padre concluda quell’affare così sperequato. Ma all’autore interessa il risultato e, quindi, se Klaus è l’archetipo dell’ebreo avido, la figlia (evidentemente pure ebrea) è, viceversa, una creatura pura ed innocente e così compare all’innamorato Roberto, stereotipo dell’eroe italico e “littorio”:

“Ed una graziosa giovinetta gli volò incontro, gli cinse il collo con le braccia, mentre egli depositava un timido bacio su quella fronte pura”.

Verso la conclusione dell’avventura, l’usuraio ebreo ed il pirata cinese si uccideranno vicendevolmente con la pistola nel corso di un duello, risparmiando tale incombenza, non proprio degna dell’eroe senza macchia, a Roberto. Il ragazzo non ama particolarmente quelle lande:

Un europeo difficilmente può farsi un’idea del rumore, del movimento dell’attività che regna in un kampong cinese. Vi si mangia, vi si vende, vi si compra, vi si fa la barba in mezzo ad un andirivieni senza pari di mercati ambulanti, di gente a piedi, a cavallo, in palanchino...”  ed anela ad un ritorno in Patria dopo aver abbandonato quel “mondo fantastico creato dalle torturanti allucinazioni di una fumata d’oppio”.

Tra i vari stereotipi dell’avventura “salgariana” non mancano “la rapida nave (che) fendeva le acque gialle e melmose, mentre nella sua scia balzavano frotte di pescicani…”, la taverna del “Toro rosso”, un “mostro terrificante” (una piovra), le fogne percorse da torme di feroci topi affamati e l’immancabile maledizione (non di un faraone dell’antico Egitto, bensì “dell’abisso del Drago Nero”): “qualunque straniero oserà affrontare il Loung Pang verrà inghiottito”. “Sciocchezze”, rintuzza Roberto che si tuffa, ovviamente incurante del pericolo, a recuperare quei favolosi tesori che il mare custodisce.
Immancabile il tenero lieto fine: Roberto, con il ricavato della vendita di parte dei vasi Ming e dell’ambra recuperati sui fondali dell’oceano, acquista la “Rondine” e veleggia verso i lidi dell’amata Patria abbracciato teneramente ad Ester, in un finale tanto profondamente romantico quanto profondamente crude erano talune descrizioni avventurose delle pagine precedenti. Quando Salgari “incontra” (letterariamente) Liala in un “unicum” che, probabilmente, mai più è stato ripetuto.

 

Disponibilità del libro ed altri correlati (sempre aggiornato)

 

I FIOCINIERI DELLE ISOLE DEL SOLE – Ed. Marzocco – Bemporad, 1935 – “I Libri dell’Ardimento” N.5, DE MATTIA CARLO

EUR 48,00
Disponibile su ABEBOOKS
Compralo Subito per soli: EUR 48,00
Compralo Subito

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Dominio incontrollato” (caso Moro) di Filippo Ghira al mercatino

ROMA MERCATINO DI VIA ROITI (ZONA MARCONI) Sabato 29 Febbraio 2020 Avvistato “Dominio Incontrollato” di Filippo Ghira (Fuoco Editore, 2010) sull’ancora e per sempre scottante caso Moro.

“Sopravvivere” e “Tabù”: due libri sul più drammatico incidente aereo in alta montagna

Due libri sottocosto apparsi in vendita su eBay sulla tragedia del disastro aereo sulle Ande del 13 ottobre 1972, dove i sedici giovani sopravvissuti furono costretti a cibarsi dei corpi dei compagni morti nello schianto in attesa dei soccorsi.

Clamorosa asta su Catawiki: un rarissimo manoscritto di “astronomia primordiale” e “religione delle stelle” di John Horner

Non si sa molto di John Horner, la sua unica altra opera conosciuta: “Most divine Gospel System on natural bodies proving perpetual motion and longitude” è del 1828 ed è conservata presso i Royal Greenwich Observatory Archives. Si sta scatenando un’asta infuocata per un pezzo assolutamente unico. Ad un giorno dalla chiusura, superata già di 5 volte la stima iniziale della casa d’aste.

Fumetti d’autore a Porta Portese (e per 5 euro)

ROMA PORTA PORTESE Domenica 8 Dicembre 2019 avvistati a 5 € fumetti in prima edizione di Andrea Pazienza e Guido Crepax.

…su eBay la rara prima edizione di “Sotto il segno della pecora” di Haruki Murakami

Sempre più rara la prima edizione di “Sotto il segno della pecora” di Haruki Murakami (Milano, Longanesi, 1992), ma una copia alla fine è spuntata su eBay.