"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

L’Italia e il petrolio, di Silvio Gai (Roma, Arti grafiche Trinacria, 1938).

 

Interessante e raro saggio sull’indipendenza economica italiana basata sul petrolio scritto in epoca fascista da una delle massime cariche dell’epoca nel settore economico.

 

 

 

Scheda bibliografica

Autore: Silvio Gai
Titolo: L’Italia e il petrolio
Pubblicazione: Roma, Arti grafiche Trinacria, 1938
Descrizione fisica: 237 pagine, 1 carta geografica ripiegata, illustrazioni; 25 cm
Lingua: Italiano
Paese di pubblicazione: Italia
Classificazione Dewey: 553.28 (20.) – Geologia economica. Petrolio, olio di scisto, sabbie catramose, gas naturale.
Soggetti: Petrolio – Italia
Codice identificativo: IT\ICCU\FER\0183412

Nota su Silvio Gai

Silvio Maria Giuseppe Francesco Gai (1873 – 1967) è stato un economista, dirigente d’azienda e politico italiano. Gai iniziò la sua carriera lavorando nel settore dell’elettricità alla fine del XIX secolo, quando aprì un’officina a Roma per la costruzione di apparecchi elettrostatici per uso medico. Dopo l’insuccesso economico dell’impresa, cercò lavoro a Genova e successivamente si unì al Cantiere Orlando di Livorno come progettista e costruttore di motori elettrici. Nel 1908, venne assunto come direttore e amministratore delegato della “Aziende industriali elettriche“.

Durante il suo periodo a Recanati, Gai adattò un mulino per l’impiego dell’energia elettrica e sviluppò l’impresa fino a creare la Società Marchigiana di Elettricità. Questa società fu responsabile dell’elettrificazione di tutta la regione delle Marche attraverso la costruzione di nuove centrali idriche e una rete di trasporto di energia a distanza. Tuttavia, il fallimento della Banca di Sconto portò alla fine della Società Marchigiana, che fu assorbita dalla Unione Servizi Elettrici di Milano.

Nel campo politico, Gai aderì al Partito Fascista e ricoprì diverse cariche, tra cui Sottosegretario di Stato al Ministero del Lavoro e previdenza sociale e Ministro dell’Economia Corporativa della Repubblica Sociale Italiana. Dopo la guerra, Gai continuò a lavorare nel settore dell’economia e dell’energia elettrica.

L’importanza della disciplina che studiava Gai, l’economia e l’ingegneria elettrica, è evidente nel suo impatto sullo sviluppo industriale e infrastrutturale dell’Italia durante il XX secolo. Le sue competenze e conoscenze in questi settori gli permisero di contribuire significativamente all’elettrificazione delle regioni italiane e alla crescita economica del Paese.

 

La politica fascista sul petrolio

Durante il regime fascista, l’Italia perseguì una politica internazionale non avveduta e orientata al colonialismo, che portò alla perdita degli interessi economici italiani, in particolare per quanto riguarda la questione petrolifera di Mossul. Nel 1932, l’Agip era diventata azionista della compagnia petrolifera britannica Bod, la quale aveva ottenuto il diritto allo sfruttamento dei giacimenti petroliferi presenti nella zona di Mossul. Dopo solo due anni, l’Agip divenne l’azionista di maggioranza della Bod, prendendone il totale controllo e si accingeva ad iniziare le operazioni di estrazione del petrolio dal territorio di Mossul, che secondo degli studi effettuati sulla zona, era talmente abbondante di oro nero, che l’Italia non solo sarebbe diventata autosufficiente dal punto di vista energetico, ma si sarebbe perfino arricchita diventando una nazione esportatrice di petrolio.

Tuttavia, Mussolini iniziò la campagna coloniale in Etiopia, che determinò un tale ingente investimento economico, da indurlo a vendere la Bod agli anglo-americani, i quali successivamente arricchirono la loro economia grazie all’estrazione di eccezionali quantità di petrolio. Questo dimostra quanto il fascismo fosse orientato a una politica internazionale colonialista e indifferente alle esigenze reali dell’economia italiana, perdendo la possibilità di acquisire materie prime e fonti energetiche vitali per la nuova economia mondiale. Tutto ciò contribuì all’allontanamento politico dalle democrazie occidentali e alla deriva dell’alleanza con il nazismo.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su ABEBOOKS

 

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Il vampiro” di Ornella Volta: un libro cult in asta su eBay

“Il Vampiro” di Ornella Volta (Sugar, 1964) – un autentico e conclamato saggio-cult sul vampirismo, che spazia dal Vampiro di Polidori al Dracula di Bram Stoker – asta chiusa a 19,50 €.

Due instant book sulla fine di Marilyn Monroe di grande rarità

“Marilyn, dillo tu!”, di Floriana Maudente (Vitagliano, 1962) e “Un ultimo notturno per Marilyn”, di Tullio Piscopo (Gastaldi, 1962), sono due rari instant book sulla grande diva americana.

Pallottola Santa

Pallottola Santa, Luis Miguel Rocha

ROMA PORTA PORTESE LIBRI Domenica 3 Dicembre 2017. Su una bancarella di Via Ettore Rolli, altezza n° civico 10, è stato avvistato un libro dello scrittore portoghese Luis Miguel Rocha (1976-2015): “Pallottola santa”, pubblicato in prima edizione a ottobre 2007...

Protetto: Il Kamasutra: tra pop-up e “libri da comodino” [password: kamasutra]

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

“Il caso Lavorini” di Sandro Provvisionato, un nuovo libro di ChiareLettere

Esce nelle librerie “Il caso Lavorini: il tragico rapimento che sconvolse l’Italia”, di Sandro Provvisionato (ChiareLettere). L’inverno del ’69 nel quale la nostra Repubblica perse per sempre la sua spensieratezza. Il mondo, con i suoi mali e le sue atrocità, ci aveva ormai raggiunti…