"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
avventure di un libronauta | Collezioni | Speciali  /  
24 Maggio 2019

“L’olocausto rimosso” di Michael Palumbo: un libro mai uscito. Eccolo qua!

Un libro che Rizzoli decise di non far nascere!

Ne scrisse Simonetta Fiori su Repubblica (17 aprile 1992), che raccontò le vicissitudini politiche ed editoriali che portarono alla decisione della casa editrice Rizzoli di non pubblicare il libro di Michael Palumbo dal titolo iniziale di L’olocausto mancato, poi “ammorbidito” in Italiani, brava gente? e alla fine nel conclusivo L’olocausto rimosso. Il personaggio-chiave del libro era l’ex prefetto di Palermo Giovanni Ravalli (1910 – 1998). Ravalli fu un ufficiale italiano imprigionato per crimini di guerra commessi durante l’occupazione dell’Asse della Grecia durante la seconda guerra mondiale. Dopo essere stato processato e condannato al carcere a vita, nel 1959 fu graziato dal Governo Greco. In seguito, riabilitato, ha prestato servizio come prefetto di Palermo, indagando – tra le altre cose – il furto della Natività con i santi Lorenzo e Francesco d’Assisi di Caravaggio.

L’olocausto rimosso è un atto d’accusa contro le milizie italiane, che mette in luce le atrocità commesse dai soldati italiani in Grecia, Jugoslavia e nelle colonie d’ Africa. Simonetta Fiori fa capire molto bene che a un certo punto Ravalli minacciò di querelare autore e casa editrice, se il libro fosse uscito (gli venivano addossate molte responsabilità). Forse mancando delle prove, in quanto il libro si basava molto su dichiarazioni rilasciate da testimoni del tempo, per la maggior parte non più in vita, si decise che “il gioco non valeva la candela” e le 8.000 copie già stampate furono mandate al macero. C’è anche chi dice però che il libro, alla decisione della Rizzoli di non farne più niente, era in uno stato avanzato ma non ancora stampato. Un po’ un piccolo mistero, insomma. Fatto sta che il codice ISBN, come si evince dalle foto della galleria fotografica, era stato regolarmente assegnato. Del libro però non c’è traccia nel sistema OPAC SBN delle biblioteche italiane.

Ad ogni modo, fisicamente il libro esiste! Qualche copia negli anni è stata avvistata. Copie staffetta? Qualche scatolone “salvato” dal tipografo? Ricevo e pubblico volentieri le foto, frutto di una segnalazione, quella del collezionista e cacciatore di libri M. S.:

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

La Chiesa Cattolica e l’Olocausto

Ultim’ora 2020: libri molto rari sui rapporti tra Chiesa ed Olocausto:

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Arrestato Cesare Battisti: ri-facciamo il punto della situazione dei suoi libri!

Con l’arresto e la traduzione in un carcere italiano dell’ex terrorista e scrittore Cesare battisti, si è scatenata una caccia ai suoi libri, dei quali il primo (“Travestito da uomo”) è già raro. Al Salone della Cultura di Milano presenti due libri con dediche autografe.

“Il particolare superfluo” di Mauro Chiabrando a Più libri più liberi

ROMA FIERA “PIÙ LIBRI PIÙ LIBERI” Sabato 7 Dicembre 2019 Si segnala che presso lo stand della casa editrice Luni Edizioni, presente alla manifestazione in oggetto, è stato avvistato “Il particolare superfluo: atlante delle minuzie editoriali (Milano, Luni Editrice, 2019)”.

CAMILLO SBARBARO – LIQUIDAZIONE – PRIMA EDIZIONE 1928 – RARO

https://www.ebay.it/itm/392940067511 Liquidazione, di Camillo Sbarbaro (Torino. F.lli Ribet, 1928). Opera rara e ricercata, con valutazioni correnti elevate.

Edizioni SO (ex Edizioni SimOn): “noi siamo quello che ricordiamo!”

Edizioni SO è l’emanazione più diretta della passione bibliofila e del gusto che pervade il mondo collezionistico del cacciatore di libri e dei fruitori del sito www.cacciatoredilibri.com. La volontà di questo marchio editoriale è quello di rappresentare un focus e un approfondimento di tematiche già trattate nel blog e che riguardano la memoria storica di piccoli editori indipendenti.