"non esiste l'ultimo libro, ma solo il più recente"
"non esiste l'ultimo libro, ma solo il più recente"
piccole perle  /  
15 Maggio 2021

“L’ultima Fata: fiaba per i bambini” di Matilde Serao (1909): raro e ricercato, in asta un esemplare perfetto!

 

L’ultima Fata: fiaba per i bambini, di Matilde Serao (Paris, Phosphatine Falières, 1909). [in Italiano]

 

L’ESEMPLARE IN ASTA – L’asta chiuderà alle h. 15:21 circa del 21 maggio 2021.

 

 

 

 

 

 

 

Dalla scheda del venditore:

«L’ultima fata/ Fiaba per i bambini» , un librino di sole 32 pagine illustrato dal pittore francese George Rochegrosse, già illustratore di Baudelaire, Flaubert, Hugo. La pubblicazione era stata stampata a Parigi nel 1909, nello stesso anno in cui Bemporad lanciava a Firenze, con le illustrazioni di Duilio Cambellotti, un libro più grande di Cordelia, avente lo stesso titolo: “L’ultima Fata”.

Secondo il catalogo del Servizio Bibliotecario Nazionale (Opac Sbn) del ministero dei Beni Culturali quest’altra perla bibliografica della «Tucci» è posseduta soltanto da due biblioteche: l’«Universitaria» di Cagliari e la «Provinciale» di Campobasso.

Per donna Matilde, diventata intanto famosa nel mondo, di questo secondo esempio di produzione letteraria era certamente meglio non parlare. Si trattava di stampa sovvenzionata apertamente dall’industria alimentare. Lei stessa, nella prefazione, rivolgendosi ai piccoli lettori partiva dalla traduzione latina del «non de solo pane vivit homo» per arrivare all’esortazione : «È vero, è vero! Lo sapete bene fanciulli miei che è vero! Sapete che il pane, l’acqua, il latte non bastano ad alimentarvi e che vi alimentate, miei piccoli amici, con la FOSFATINA FALIERES , (stampato cosi, con tutte lettere maiuscole) affinché tutto sia più forte e florido in voi».

 

 

Disponibilità di ulteriori copie (sempre aggiornato)

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Le italiane si confessano” di Gabriella Parca: un libro che ha fatto epoca

“Le italiane si confessano” fu un libro di successo per tutti gli anni ’60 e ’70. L’edizione originale di questa notissima inchiesta di Gabriella Parca sulla condizione femminile in Italia è piuttosto ricercata; fu stampata dall’editore Parenti nel 1959 ed ebbe almeno 11 edizioni.

Quando vincevo al Casinò: e leggevo Walter Benjamin, Fante e Poirot

Un bibliofilo senza chiara cittadinanza (ma Daniele è il suo vero nome), ci parla di vita vissuta e immaginata, di corse di cavalli, vincite (poche) al casinò e di un turpe delirio che fa da tela al dipinto della sua vita: il libro.

Un raro libro di condanna degli Hippies e del mondo Beat

“Hippies droga e sesso”, di Suzanne Labin (Edizioni Landoni, 1971) è un libro che condanna il fenomeno Beat in maniera inappellabile, accomunando termini fra loro distanti, conferendo ogni gradazione possibile di negatività, eppure, al tempo stesso, è un libro cult al rovescio tra i più significativi del fenomeno Beat.

COLIP: Alla scoperta della Cooperativa del libro popolare

L’Universale economica, nota come la ‘collana del Canguro’, nasce nel 1949, edita dalla Colip, la Cooperativa del Libro Popolare, promossa dal PCI su iniziativa di Palmiro Togliatti per diffondere cultura tra i ceti popolari a prezzi accessibili. Articolo di Alessandro Brunetti.