"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Marketing è guerra, di Al Ries e Jack Trout (Milano, McGraw-Hill Italia Libri, 1986).

MILANO FIERA DI SINIGAGLIA Sabato 23 Febbraio 2019 Avvistata per 2 € la prima edizione di Marketing è guerra!: l’applicazione delle strategie militari per la conquista dei mercati, di Al Ries e Jack Trout (Milano, McGraw-Hill Italia Libri, 1986).

Segnalazione di C. M. di Milano

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

…venduto su eBay “Le regine del terrore” (le sorelle Giussani e Diabolik)

Venduta a Maggio 2018 su eBay una copia dell’ormai raro “Le regine del terrore: Angela e Luciana Giussani. Le ragazze della Milano bene che inventarono Diabolik”, di Davide Barzi e Tito Faraci (Edizioni BD, 2007). Si tratta della prima edizione.

“La Tía Julia y el Escribidor” di Mario Vargas Llosa (Seix Barral, 1977): prima edizione firmata in asta

In asta su Catawiki rara copia autografata e datata dall’autore. “La Tía Julia y el Escribidor”, di Mario Vargas Llosa (Barcelona, Editorial Seix Barral, 1977).

“Ragù” di Gianmaria Bonaldi (F. Apollonio, 1935): l’alpino dimenticato!

Fra i tanti, curiosi, sorprendenti volumi in margine alle grandi guerre del XX secolo che meriterebbero una rinnovata attenzione c’è “Ragù” di Gianmaria Bonaldi (Brescia, F. Apollonio, 1935). Articolo di Alessandro Zontini.

“V.M. 18” di Isabella Santacroce: e di colpo è “libro cult” nella pazza estate 2019!

“V. M. 18” di Isabella Santacroce (Fazi Editore, 2007) è un libro relativamente recente, eppure da quest’estate 2019 è già oggetto di culto. Rarissimo, ma più che raro direi che si è fatto così desiderabile, in prima edizione, da stabilire vere e proprie valutazioni record. L’autrice non è nuova a simili exploit.

“Through The Dark Continent” di Henry M. Stanley: un classico dell’esplorazione

Un vero e proprio “classico” (anno 1878) in un periodo dove il misterioso continente nero era già visto dai politici e dagli economisti lungimiranti come una terra dalle potenzialità illimitate. Un titolo immancabile nella collezione della cultura di epoca Vittoriana.