"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Il duce sarebbe sfuggito all’esecuzione e riparato in Giappone?

 

Mussolini in Giappone: sul lago di Como uccisero un sosia, di Angelo Paratico (Verona, Gingko Edizioni, 2021)

 

 

IL LIBRO IN VENDITA

 

 

Angelo Paratico, scrittore, editore e giornalista, ha passato 40 anni della sua vita a Hong Kong. Conosce tutto l’estremo Oriente, la sua storia e il suo misticismo.

 

Un libro straordinario per una teoria abbondantemente ‘eretica’ ma di grande fascino. Angelo Paratico alle prese con un mistero della storia. Naturalmente si tratta di un romanzo, non di un saggio. Un romanzo storico che si dipana tra le brume di Giulino di Mezzegra, quel fatidico 28 aprile 1945.

Fu il duce Benito Mussolini ad essere fucilato dai partigiani? No, l’autore lo crede un sosia, che aveva preso il posto di Mussolini già da diversi giorni, forse da una settimana. Un po’ alla Diabolik, come diremmo oggi. A convincere Paratico di questa suggestiva ipotesi è innanzi tutto il comportamento irrazionale, incerto, timoroso degli ultimi giorni ufficiali del duce. Quel suo mancare gli appuntamenti importanti per la sua salvezza.

Lo racconta bene Ambrogio Bianchi in un articolo pubblicato sul sito dell’editore Gingko di Verona. Sembra che Mussolini tardò fatalmente a mettersi in salvo. Forse il sosia fu pagato – cioè la sua famiglia – per morire al suo posto? Ipotesi terribile.

Ma c’è un personaggio, che potrebbe essere la chiave del mistero. Si tratta di Enzo Grossi (1908 -1960), un abilissimo e pluridecorato sommergibilista (chiamato l’affondatore) che avrebbe organizzato – chissà – proprio la fuga di Benito Mussolini con un sommergibile da lui per tempo predisposto. Destinazione Giappone.

Dice Paratico che ce ne sarebbe qualche cenno in un libro molto difficile da reperire, Dal “Barbarigo” a Dongo, di Enzo Grossi (Roma; Trieste, Edizione Due Delfini, 1959), ristampato dalle Edizioni dell’Aurora in anni più recenti.

Il piano sarebbe stato concordato con gli alleati giapponesi per approntare un grosso sommergibile, al fine di mettere il duce in salvo, e al comando ci sarebbe stato proprio Enzo Grossi.

Anche un secondo libro, ristampato recentemente, indicherebbe l’esistenza di un piano segreto per la fuga del duce. Il libro in questione è Mussolini mi ha detto, di Antonio Bonino (Buenos Aires, Edizioni Risorgimento, circa 1950), ristampato da Settimo Sigillo di Roma nel 1995.

 

Mussolini quindi si salvò? Dai partigiani sì, ma una volta arrivato davanti alla baia di Tokyo… non vi voglio svelare il finale.

 

 

Disponibilità dei libri trattati (sempre aggiornato)

 

 

SU AMAZON (Mussolini in Giappone)

 

 

SU AMAZON (Dal “Barbarigo” a Dongo)

 

 

SU AMAZON (Mussolini mi ha detto)

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“L’uomo come potenza” di Julius Evola (edizioni Atanòr); una rara copia con timbro Circolo Pro Cultura Fascista

L’edizione qui segnalata è tra le più rare di questo classico del pensiero di Evola; parte del suo interesse deriva dalla constatazione che la copia apparteneva al disciolto Circolo Pro Cultura Fascista “Teodoro Capocci” di Napoli, quartiere Vomero, già noto per i suoi “Quaderni”.

ALLE DONNE D’ITALIA 1918, RARISSIMO

https://www.ebay.it/itm/184909557023

“La sinistra psicopatica” di Kerry Bolton arriva in Italia: esce per Gingko

Per la prima volta esce in Italia “La sinistra psicopatica”, di Kerry Bolton; a stamparla è l’editore Gingko di Verona (dicembre 2018). Un classico della psicologia delle ideologie immancabile e imprescindibile.

Straordinaria mostra sui documenti di Piero Manzoni alla Hauser & Wirth di Los Angeles

Alla prestigiosa galleria Hauser & Wirth di Los Angeles si inaugura il 14 Febbraio 2019 (per concludersi il 7 Aprile) una straordinaria mostra dal titolo “Piero Manzoni: una biografia attraverso la collezione di documenti Guido e Gabriella Pautasso”, a cura di Guido Andrea Pautasso e Irene Stucchi.

“Feltrinelli: il guerrigliero impotente”: ritratto di un editore con l’hobby della guerriglia (raro, 1971)

Il libro in questione è quasi un instant book sul personaggio Giangiacomo Feltrinelli, che, invece di seguire, ha anticipato di un anno la scomparsa del grande editore. Ne traccia la figura, con le passioni, le ossessioni, i meriti e gli errori.