"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Un metalibro, ancora un metalibro per favore…

Il metalibro è una fase di trasformazione del libro. Una fase nella quale tanto il libro in quanto oggetto fruibile per la lettura, quanto il libro inteso invece come oggetto artistico si superano e vanno alla ricerca di una nuova dimensione. Il metalibro non è di solito un libro leggibile o comunque non soltanto leggibile. Non è solo un’opera d’arte (come un libro d’artista) o un libro oggetto in una performance artistica. Il metalibro è entrambe queste cose, ma soprattutto è l’espressione concettuale di se stesso.

Un esempio di metalibro è Della il nome rosa di Umberto Eco, l’edizione alfabetica del Nome della rosa. E Metalibro è anche iɿoɈɈiɿɔƨ ilϱǝb oblA’⅃ di Massimo Gatta e Ludovica Gatta, ossia L’Aldo degli scrittori (edizioni Biblohaus) completamente realizzato e stampato al rovescio e all’occorrenza leggibile con l’ausilio di uno specchio. Quel “all’occorrenza” significa che tale funzione non è richiesta.

Cosa c’è in giro?

Oggi segnaliamo un interessante metalibro in rete, per la felicità, l’insofferenza, il divertimento o la noia dei bibliofili.

Vita, morte e miracoli dell’architettura: catalog festival n. 1, Nov. 9-11/1971, Space electronic, Firenze / S-Space, co-production 9999 [e] Superstudio ; cover and design by 9999 (Firenze, G. e G. Editrice, 1971).

Esemplare in vendita

Un volume senza paginazione, in gran parte illustrato, formato h. 24 cm. Tiitolo e testi anche in inglese in stile “Pubblicazione bifronte”. Il titolo parallelo è Life, death and miracles of architecture.
La copertina è ricoperta di lana vergine grezza.
Il libro è un’emanazione pura e senza compromessi del Gruppo 9999, un “manipolo” di architetti radicali fondato a Firenze nel 1968 da Giorgio Birelli, Carlo Caldini (1942 – 2017), Fabrizio Fiumi (1943 – 2013) e Paolo Galli, studenti della Facoltà di Architettura di Firenze. Del gruppo, che inizialmente era denominato 1999, fecero parte anche: Paolo Coggiola, Andrea Gigli, Mario Preti e Giovanni Sani, rimanendo attivo fino al 1972.
Molti di loro erano, o erano stati, allievi di Leonardo Ricci e Leonardo Savioli, docenti che, insieme a Giovanni Klaus Koenig e a Umberto Eco, sostenevano l’onda del cambiamento generazionale.
Si fecero pertanto promotori di un moto ecologista; ogni loro attività progettuale conteneva un messaggio etico. Lanciarono un proclama che, oltre a mettere in luce la filosofia del gruppo, mirava a delineare un preciso modello di vita e a diffonderlo. La loro attività, più che a raggiungere un risultato, puntava ad approfondire la ricerca di un metodo di lavoro. Non erano interessati al piano politico né intendevano scendere a patti col mercato, tenevano alla loro indipendenza e libertà di azione. Cominciarono a lavorare all’ipotesi di una tecnologia controllata e guidata, in rapporto stretto con la natura, per esaltarla e proteggerla, non per distruggerla.

Dalla scheda del venditore:

“Superstudio& Gruppo 9999. “S-Space. Vita, morte e miracoli dell’architettura”. 1971. Firenze. Volume interamente illustrato in bianco-nero e a colori con fotografie, fotomontaggi, disegni, fumetti, di progetti e installazioni del Gruppo 9999, Ant Farm, Ugo La Pietra, G. Chiari, Portola Institute, G. Pettena, Surperstudio, Ufo, ed altri. Impaginazione e copertina del Gruppo 9999. Formato circa 24×21 cm. Pagine 60 (non numerate). Rilegatura cartonata rivestita di lana bianca grezza. Copia completa della busta trasparente e dell’etichetta col titolo. Catalogo generale della mostra (Catalogo Festival n.1) pubblicato in occasione del design happening “S-Space Mondial Festival N.1” alla discoteca Space Electronic di Firenze (9-11 Novembre 1971). Edizione originale, estremamente rara.”

Disponibilità dei libri citati (sempre aggiornato)

attaG omissaM – attaG acivoduL- IROTTIRCS ILGED ODLA’L – (IXX-IVX iloces) ovitarran oiranigammi’llen oizunam odla id arepo’l e arugif al – atatimil .de

EUR 50,00
Disponibile su BIBLOHAUS
Compralo Subito per: EUR 50,00
Richiedi il libro all’editore

Della il nome rosa, di Umberto Eco – edizione alfabetica, stampata in soli 40 esemplati numerati (con scatola, base e supporto)

EUR 190,00
Disponibile su COMPROVENDOLIBRI
Compralo Subito per: EUR 190,00
Compralo Subito

[Si ringrazia Antonio GIannitti per la segnalazione]

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Rosa Luxemburg indomita rivoluzionaria” di Davide Rossi

ROMA LIBRERIA FELTRINELLI Largo di Torre Argentina Mercoledì 15 Maggio Si segnala “Rosa Luxemburg indomita rivoluzionaria” di Davide Rossi (PGreco Edizioni), sulla rivoluzionaria naturalizzata tedesca.

“Bombardata Napoli canta” di Piero Bellanova (1943): rarissimo e affascinante aeropoema futurista

  Bombardata Napoli canta: aeropoema futurista, di Piero Bellanova; preceduto da un aeropoema-collaudo del poeta Marinetti; copertina di E. Prampolini (Roma, Edizioni futuriste di poesia, 1943).         L'ESEMPLARE IN VENDITA    ...

Esce per Biblohaus “Il curioso caso del Sidereus Nuncius M-L” di Owen Gingerich

In uscita per Biblohaus “Il curioso caso del Sidereus Nuncius M-L”, di Owen Gingerich, un libro polemico sulla falsificazione dell’opera di Galilei; sulla scia di “Max Fox” di Sergio Luzzatto e sullo sfondo dello scandalo della Biblioteca dei Girolamini di Napoli.

La prima fiera del libro raro è terminata: grazie per la vostra partecipazione e arrivederci a settembre!

Amici, bibliofili, collezionisti, librai e cultori della materia-libro, buona sera e grazie per la vostra partecipazione a questa Prima edizione della fiera del libro raro, organizzata dal vostro cacciatore di libri e da Simone Pasquali di Biblohaus. 

“Le temps des questions” di Gaetano Pesce: un libro oggetto da collezione (e d’autore)

Straordinario libro oggetto stampato in edizione limitata in occasione della mostra luglio-ottobre 1996 dell’artista Gaetano Pesce al Centre Georges Pompidou di Parigi. Ogni copertina dei libri è diversa.