"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

ROMA LIBRERIA ARION A TESTACCIO – Venerdì 24 Aprile 2020 – Confinato in casa per emergenza sanitaria, passo a illustrare un libro, che acquistai alla libreria in oggetto (da tempo acquisita da Feltrinelli), al quartiere Testaccio, Piazza di Santa Maria Liberatrice, libro che non dovrebbe mai mancare in una biblioteca di un collezionista di edizioni importanti. Il libro è: I classici che hanno fatto l’Italia. Per un nuovo canone bio-bibliografico degli autori italiani, di Fabrizio Govi (libraio antiquario), con un saggio di Giovanni Ragone (professore di Mediologia presso l’Università La Sapienza di Roma) e una nota di Umberto Pregliasco (titolare di una importante libreria antiquaria). Il volume illustra 400 testi dal Duecento a oggi, attraverso opere, di cui per ognuna viene analizzata le tirature, ristampe, contraffazioni, privilegi, formato, tipo di carattere, presenza di illustrazioni, dediche e quant’altro. Il libro, pubblicato nel 2010 a Modena da Giorgio Regnani Editore con il marchio Areilos, ha 415 pagine oltre a 35 di introduzione e tavole a colori riproducenti libri importanti in prima edizione (formato 21,5 x 30,5 cm). La rilegatura è in piena tela con sovraccoperta che mostra un’antica macchina da stampa. La fascetta editoriale recita: Un viaggio tra i grandi libri degli italiani. Il prezzo era di 65 € (E. P.)

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“La croce e la sfinge” di Pierluigi Panza al mercatino

ROMA PORTA PORTESE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS Domenica 10 Maggio 2020 “La croce e la sfinge”, di Pierluigi Panza (Bompiani, 2009) avvistata al mercatino di Porta Portese tempo addietro; sulla vita di G.B. Piranesi.

Alla scoperta della Venezia di Gian Francesco Malipiero: il compositore “anarchico”

Un intellettuale poliedrico che fu compositore, critico sia teatrale che musicale, anti-accademico per eccellenza: di Gian Francesco Malipiero (1882-1973) si apprezza anche un lato bibliofilo e la cura che l’autore dedicò alla produzione del volume “Teatro” (edizioni Alpes, 1927). Articolo di Alessandro Zontini.

In asta un pezzo polemico e raro di poesia del futurista Pannaggi stampato a Oslo nel 1965 e rifiutato dal Premio Tolentino

Interessante esperimento poetico con bella impaginazione. in un’edizione molto insolita e accattivante, a partire da luogo e stampatore: Borsum Forlag a Oslo, Norvegia. In particolare desta curiosità l’avvertenza polemica che l’autore, il maceratese Ivo Pannaggi, futurista della prima ora, fa imprimere sul volume.

Esce il romanzo di Agatha Christie che il suo editore volle censurare

“Poirot a Styles Court” di Agatha Christie con il finale perduto: Mondadori lo presenta in Italia finalmente con il finale originale scritto dall’autrice e che il primo editore, John Lane The Bodley Head, decise di cambiare non ritenendolo plausibile.

“Petrus Secundus” (1953) scritto da uno scrittore misterioso: e se ci fosse lo zampino di Curzio Malaparte?

Papa Petrus Secundus (nella storia del papato c’è stato solo Petrus Primo, anzi Petrus, il fondatore della chiesa cattolica) si trasferisce in aereo a New York, accolto da indescrivibili scene d’entusiasmo, la corte vaticana emigra in nave. Ucronia allo stato puro ma anche propaganda da guerra fredda.