"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Editto politico di navigazione mercantile austriaca in data di Vienna, il di 25 aprile 1774 (Trieste, Stamperia Governiale, 1804).

 

L’ESEMPLARE IN ASTA – L’asta chiuderà alle h. 20:55 circa del 15 maggio 2021.

 

Anche l’Austria ha avuto il mare e a un certo punto ha pensato a una vera e propria flotta mercantile. I primi dati storici risalgono al 1300 circa, quando si disponeva soltanto del bacino del Danubio ma già si guardava ai possedimenti nella parte meridionale dell’impero. Con l’acquisizione di Trieste nel 1382, che si mise volontariamente sotto la protezione asburgica, finalmente ci fu uno sbocco in un mare vero.

Negli anni successivi l’influenza degli Asburgo si propaga all’Istria e alla città di Fiume, il che amplia la propria sfera di influenza sulla costa.

Fino a metà del 1500, però, Trieste non era fortificata e non si poteva parlare di una vera e propria flotta da contrapporre alla vicina e potentissima Venezia. Nella prima metà di quel secolo, con la caduta dell’Ungheria, gli Asburgo avevano conseguito anche vari possedimenti lungo l’attuale costa serbo-croata, ma neppure questa pur notevole espansione marittima del loro impero portò alla formazione di una flotta che possiamo chiamare con questo nome.

È con la Battaglia di Lepanto (1571) e con lo scontro con la flotta Ottomana che le cose cambiano veramente. I secoli successivi video un’affermarsi sempre più massiccia della presenza austriaca sui mari interni del Mediterraneo, che sfociarono – negli anni ’70 del 1700 – in un vero e proprio sforzo coloniale fino in Mozambico, dopo aver circumnavigato l’Africa e oltrepassato il Capo di Buona Speranza.

L’atto ufficiale di questo sforzo militare-mercantile fu la promulgazione di un Editto politico nel 1774; la storia è fedelmente raccontata in questa ristampa di anonimo che qui si segnala.

Fonti: Le origini della Marina Austriaca, di Claudia Reichl-Ham; traduzione di Ciro Paoletti.

 

Dalla scheda del venditore:

“Perdita di pelle nella colonna vertebrale. Ha un adesivo numerato sul retro della copertina. L’interno del libro è molto ben conservato.”

 

 

Disponibilità di eventuali copie ed edizioni del libro (sempre aggiornato)

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Due libri proibiti di carattere internazionale: “Julian Assange” e “Non metterò il vostro cappello”

Due libri scomodi e di non facile rinvenimento. Si tratta del profilo su Wikipedia di Julian Assange come appariva agli inizi degli anni 2000, prima dell’esplosione del caso Wikileaks (oggi è profondamente modificato) e “Non metterò il vostro cappello”, di Ahmed Qatamesh, sul caso dei palestinesi e le torture durante gli interrogatori della polizia israeliana.

CURZIO MALAPARTE – LOTTO DI SEI VOLUMI IN PRIMA EDIZIONE

https://www.ebay.it/itm/224208782695

Il libro più raro, controverso e inquietante su Rasputin: “Rasputin e gli ebrei” (1921), scritto dal suo segretario

Sconosciuto alla stessa Biblioteca di Stato russa e alla Nazionale di Mosca, “Rasputin i yevrei” di Aron Simanovich, una specie di sogno proibito del bibliofilo e collezionista russo medio.

14-20 Aprile 2020: questa settimana i lettori hanno cercato…

I lettori hanno cercato: Ossessione, di Stephen King – AIDS: uno strano virus di origine ignota, di Jacques Leibowitch – Il Medioevo prossimo venturo, di Roberto Vacca – I disperati del benessere, di Mario Soldati – Manuale del Trapper, di Andrea Mercanti – La legge è l’amore, di Divo Barsotti – Significance of Satan, di Trevor Ling.