"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Sturani: altro che cartoline!

di Carlo Ottone

Risorgimento Allegro, a cura di Enrico Sturani (Roma, Spqr Libri, 1990)

Il libro di oggi è Risorgimento Allegro, a cura di Enrico Sturani (Roma, Spqr Libri, 1990). Anche questa (come La Camera del Sudvedi qui l’articolo) è una storia di un editore che pubblica solo un libro. Dietro la sigla, però, si cela un editore noto nell’ambiente.

Cura il volume Enrico Sturani, collezionista e studioso di cartoline nonché autore di libri sulla storia delle stesse. Libro in ventiquattresimo lungo, con l’immagine applicata alla copertina per la collana Delizie libertine.

Diciannove incisioni colorate a mano, assolutamente insospettabili nella Roma che stava per essere assorbita dallo Stato Italiano, vengono qui riproposte con tutta la loro carica di ironia e giocosità. Questi piccolo capolavori – da camera – aprono una breccia nella facciata grigia e seriosa del nostro Risorgimento. Sono stampe oscene che prendono di mira i sovrani, il papa, le monache e i preti sorpresi in “pose” pornografiche, accomunate da uno stile rozzo, greve, volutamente volgare e popolaresco che caratterizzò, sul versante letterario, la produzione anticlericale dell’epoca, databile, a Roma, tra il 1862 e il 1863, estranea alle serissime lotte ideologiche che resero illustri i Padri della Patria. Questo è un Risorgimento allegro.

“Tutto il Risorgimento lo si può interpretare in chiave di spettacolo, come lotta tra la Commedia dell’arte e il repertorio serio” (Indro Montanelli)

Questo delizioso libretto, stampato in mille esemplari, è stato l’unico libro della SPQR Libri, invenzione editoriale di Marcello Baraghini che ne cura anche il progetto editoriale, Sturani nel suo Memorie di un cartolinaro (Roma, Coniglio, 2004), si chiedeva:

“…ancora non riesco a capire come mai Marcello, invece che in Stampa Alternativa, forse per un eccesso di pudore, per pubblicarlo si sia inventato SPQR Libri…”.

Corsi e ricorsi della storia, nel 2011 Baraghini si ricorda del titolo di questo libretto e pubblica, stavolta per Stampa AlternativaIl Risorgimento allegro, una raccolta di scritti di Luciano Bianciardi sul Risorgimento allegro. Serioso ma non serio, come nello stile di Bianciardi.

Trovabilità del volume

Non reperibile alcuna copia del libro di Spqr Libri del 1990 – risulta invece ancora acquistabile il libretto a firma Luciano Bianciardi del 2011. Qui una copia in vendita su Libraccio

Una stampa dal volume:

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Sempre più raro “La vita secondo me” di Richard Russo (Frassinelli 1995)

Ormai divenuto uno dei titoli meno frequenti della casa editrice Frassinelli per gli anni ’90, è anche un romanzo di grande successo e da cui è stato tratto un famoso film interpretato da Paul Newman.

“Canti dei tempi di transizione” di Gianni Maria Guidi (Virgilio 1972): introvabile – Setta delle bestie

È scomparso Gianni Maria Guidi, proprio mentre sta cominciando il processo contro la sua Setta delle Bestie.

I libri scomparsi di Emmanuel Carrère: il punto della situazione

I primi libri dello scrittore francese Emmanuel Carrére pubblicati in Italia (anni 1987-1991) non hanno avuto particolare seguito eppure sembrano scomparsi di scena. Raramente appaiono disponibili su internet.

Tra le rarità del pianeta Camilleri: “Come possedere correttamente un Carmassi”: prezioso e ricercato

Un libro curioso e insolito di Andrea Camilleri (o comunque riconducibile al pianeta Camilleri), fattosi rarissimo, è Come possedere correttamente un Carmassi (Galleria Morone, 2007), che riprende un testo di Camilleri pubblicato nel 1973, ma che dà vita a un libro nuovo e ricercabile.

Quando anche l’Osservatore Romano sbaglia il latino: il caso del numero uscito per l’elezione di Papa Giovanni Paolo I

In occasione dell’elezione di papa Giovanni Paolo I nel 1978, l’Osservatore Romano pubblicò in fretta un’edizione speciale della testata con l’importante notizia. Tuttavia, la prima tiratura mostrò un errore nel titolo, riportando il termine NOMINEM, anziché NOMEN.