"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Piove, andremo a funghi?

 

di Alessandro Brunetti

 

Quanto siamo stati vicini a una guerra nucleare? Non dico oggi (è notizia di questo fine aprile inizio maggio 2024, confermata o no, che un aereo israeliano è stato fermato dai missili russi mentre volava verso l’Iran con una bomba nucleare tattica), bensì alludo agli anni ’60 del XX secolo, gli anni d’oro della guerra fredda.

 

…Sopravvive chi pensa e provvede in tempo, a cura dello Stato Maggiore della Difesa (Gaeta, Officina grafica militare, (1962).

 

Da questo libretto direi che lo siamo stati davvero tanto. Fu pubblicato a cura dello Stato Maggiore dell’ Esercito nel 1962. Quello che mi ha colpito nel leggerlo, e mi convince sempre di più che al grande botto è mancato poco, è il tono. Comunica infatti un misto di paura e speranza, un catastrofismo ottimista potrei definirlo con limpido ossimoro. La sensazione è che a una esplosione termonucleare davvero si può sopravvivere, non solo, ma dopo tutto può tornare bello come prima. Sarà che ho visto da poco la serie Fallout e contemporaneamente ritrovavo nelle mie librerie questo opuscolo di 48 pagine, ricche di disegni, e ho vissuto una specie di corto circuito. La finzione filmica si sommava alla non finzione della guida, i disegni apparentemente possibilisti, con le istruzioni sui rifugi, sulle scorte da fare, si inframmezzavano alle scene della serie, un montaggio immaginifico degno del miglior Buñuel surrealista.
Sto scrivendo questo pezzo da Tarquinia, dove c’è una polveriera militare che sembra abbia avuto nei suoi bunker testate Nato, ovviamente nucleari. Mi riempio un bicchiere di birra e brindo a via Panisperna, a Fermi e a quanti hanno contribuito a creare un mostro con cui, dicono i ben informati, basta armare 50 ordigni per fare tabula rasa. E se non sbaglio di questi amichetti ne esistono 100 volte tanto. O sono mille?

 

Dello stesso libricino esiste anche un’edizione con differente copertina, sempre databile tra gli anni ’60 e ’70 del XX secolo; difficile dire se anteriore o posteriore rispetto alla pubblicazione sopra descritta..

 

 

 

 

Disponibilità di eventuali copie (sempre aggiornato)

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Vanni De Simone: dal Cyberpunk a elemento115!

Tre vite vissute pericolosamente, sempre sul bordo tagliente della mutevole avanguardia letteraria cyberpunk – l’autore, editore e traduttore Vanni De Simone racconta la sua visione dell’universo cyberpunk postmoderno, le nuove vie che ci attendono ma senza perdere di vista la tradizione di un genere senza tempo.

El Periodista de Buenos Aires: un documento storico a Porta Portese a gratis!

ROMA PORTA PORTESE Domenica 25 Settembre 2022. Stamani è capitato di ricevere in regalo una copia di un settimanale di Buenos Aires come omaggio per un acquisto. Non una copia qualunque del settimanale, bensì una copia “historica”.

Tre libri che sanciscono il passaggio da Edizioni Esse a Sellerio

Palermo in tasca di Anna Pomar e I veleni di Palermo di Rosario La Duca sono le pietre miliari che sanciscono nel 1970 il passaggio dalle Edizioni Esse all’editore Sellerio di Palermo, oggi una delle maggiori realtà italiane.

Volge al termine il “Salone del libro” (della Cultura) di Milano

Volge al termine una brillante edizione di quello che un tempo era conosciuto come il "Salone del libro usato" di Milano e che oggi viene ufficialmente definito Salone della Cultura. A seguire la galleria dello stand espositivo di Biblohaus ed ES (Edizioni SimOn)....

“Delle apparizioni ed operazioni de’ spiriti” (1765): Atanasio Cavalli il primo debunker italiano?

Rarissimo e molto ricercato. Uno dei primi testi sulla casistica e sulla classificazione degli spiriti. Il trattato fu scritto a seguito di quanto successo nella notte del 25 giugno 1764 nel convento torinese dei carmelitani, quando vennero percepiti luci, rumori, spostamenti di oggetti.