"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Storia del libro – Dall’antichità al XX secolo, di Frédéric Barbier (Bari, Edizioni Dedalo, 2004)

ROMA LIBRERIA FELTRINELLI – Largo di Torre Argentina – Sabato 25 Aprile 2020. Causa emergenza sanitaria, da tempo non mi è data occasione di andare alla libreria in oggetto, meta abituale alla ricerca di novità. Pertanto mi accingo a parlare di un libro ivi comprato in precedenza, di interesse per gli amanti dell’oggetto “libro” e dell’editoria in generale. Si tratta di Storia del libro – Dall’antichità al XX secolo, scritto da Frédéric Barbier, con postfazione del Prof. Mario Infelise, pubblicato da Edizioni Dedalo di Bari nel 2004. Il volume (584 pagine in formato 8°) è rilegato in similpelle verde con sovraimpressioni color oro al dorso, sovraccoperta illustrata e stampato su carta Oxford, con 16 illustrazioni a colori e due in bianco e nero. Più volte ristampato, attualmente il titolo è stato lievemente modificato in Storia del libro in Occidente, con un prezzo di 33 €. (E. P.)

Qui una copia del libro in vendita su eBay al costo di 20 €.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Quando si compravano bellissime prime edizioni a 1 euro della Biblioteca del Vascello

ROMA (QUANDO SI ANDAVA PER MERCATINI) MERCATINO DI MONTEVERDE Viale dei Quattro Venti, Giovedì 24 Dicembre 2020. Bellissime i libricini anni ’90 in formato 24° della Biblioteca del Vascello, spesso autentiche prime edizioni anche di grandi autori.

LAVORARE STANCA – CESARE PAVESE – SOLARIA 1936 RARISSIMO!

Uno dei libri più rari della letteratura italiana del ‘900, Davvero difficilissimo imbattersi ormai in questa edizione.

“La scoperta del mondo” di Clarice Lispector: quando un libro semplicemente non si trova!

Libro molto raro ed esaurito da tempo di Clarice Lispector, una scrittrice considerata difficile, “per addetti ai lavori”, attenta agli avvenimenti quasi esclusivamente per quanto riguarda l’introspezione dei personaggi su fatti spesso solo accennati.