"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

 

Un’opera pioniera ma non gradita da tutti

 

Astronauci: powieść fantastyczno-naukowa (trad. “Astronauti: romanzo di fantascienza“) è il primo romanzo di fantascienza di Stanisław Herman Lem (1921-2006), prolifico e brillante scrittore polacco che ebbe il merito di coniugare la fantascienza con il romanzo filosofico.

 

Probabilmente l’opera che gli rese maggiore fama fu Solaris (1961), per tre volte trasposta al cinema in film di differente impostazione nel 1968, 1972 e 2002.

Astronauci fu comunque il debutto letterario di Lem, almeno in forma di libro vero e proprio – e pertanto non prendendo in considerazione il racconto The Man from Mars del 1946.

Con Astronauci Lem però fu molto autocritico nonostante l’impatto favorevole e a un certo punto si dimostrò del tutto riluttante nel concedere i diritti per successive ristampe, soprattutto all’estero.

La critica lo considera uno dei primi romanzi della cosiddetta “narrativa socialista“, che racconta le conseguenze di una guerra globale con l’uso di armi nucleari.

L’autore contrappone chiaramente la società della Terra, che ha seguito la via dell’umanesimo e dell’auto-miglioramento, avviandosi alla scoperta delle stelle, e la società estinta di Venere, che si è concentrata sulla guerra e, di conseguenza, si è autodistrutta.

 

Minaccia da Venere

 

Anno 1998 dopo Cristo. Novanta anni dopo la caduta del meteorite di Tunguska (30 giugno 1908), nell’area viene scoperta una bobina di origine aliena con un nastro inciso magneticamente.

Come risultato della decifrazione delle registrazioni dalla bobina scoperta, le potenze della terra apprendono che nel 1908 una nave venusiana inviata per la ricognizione si era schiantata al suolo proprio nell’area di Tunguska, nella Siberia orientale.

Dalla registrazione si evince, inoltre, che i venusiani volevano distruggere l’umanità e conquistare la Terra, ma l’improvvisa caduta e distruzione della loro nave da ricognizione potrebbe averlo impedito. I terrestri inviano quindi la navicella spaziale atomica “Kosmokrator” su Venere per scoprire se la minaccia persiste ancora.

 

Le edizioni polacche

 

La prima edizione polacca è quindi Astronauci: powieść fantastyczno-naukowa, di Stanislaw Lem (Warszawa/Krakowie, Spółdzielnia Wydawniczo-Oświatowa “Czytelnik”, 1951).

Il libro è molto ricercato, da sempre, e spunta ormai valutazioni molto alte, dell’ordine di migliaia di euro.

La copertina è disegnata da Jan S. Miklaszewski (1907-1982), celebre artista che illustrò in patria le principali opere di Dostoevsky e Nietzsche.

 

 

Nella mini galleria che segue si riscontrano le copertine delle prime quattro edizioni polacche.

 

Le altre edizioni

 

La prima traduzione del libro dello scrittore polacco fu in lingua tedesca, con: Der Planet des Todes [trad. “Il pianeta della morte“], di Stanislaw Lem (Berlin-DDR, Verlag Volk und Welt, 1954), seguita dall’edizione in lingua ceca: Astronauti, di Stanislaw Lem (Praha, SNDK-Státní nakladatelství dětské knihy, 1956) e slovacca: Astronauti, di Stanisław Lem (Bratislava, Mladé Letá, 1956).

Fu poi la volta dell’edizione in lingua russa: Astronavty, di Stanislav Lem (Moskva, Molodaya Gvardiya, 1957) e a seguire di quella olandese: De dreigende planeet [trad. “Il pianeta minaccioso“] di Stanisław Lem (Amsterdam, Pegasus, 1957) e ungherese: Asztronauták: fantasztikus-tudományos regény [trad. “Astronauti: un romanzo fanta-scientifico“], di Stanisław Lem (Budapest, Móra Ferenc Könyvkiadó, 1957).

Alcune tirature dell’edizione ungherese del 1957 – come mi fa notare Lóránt Szabó della Földvári Books di Budapest – furono stampate a Bucuresti in Romania, in quanto è probabile che fosse un’edizione congiunta dell’ungherese “Móra” e degli editori rumeno-ungheresi “Ifjúsági“. Tali collaborazioni erano comuni tra gli editori in lingua ungherese della “madrepatria” e dei paesi vicini.

 

 

 

In lingua bulgara il libro uscì come: Astronavti: naučno-fantastičen roman, di Stanislaw Lem (Sofiâ, “Narodna mladež”, 1958).

Molto bella ed evocativa la copertina dell’edizione rumena: Astronauţii, di Stanisław Lem (Bucuresti, Tineretului, 1964), la quale era stata preceduta due anni prima dall’edizione francese: Feu Vénus [trad. “Venere di fuoco“], di Stanisłas Lem (Paris, Gallimard, 1962).

Si sa poco delle tirature delle varie edizioni, I dati certi sono relativi all’edizione russa, che fu di 90.000 copie, e a quella bulgara, che invece raggiunse i 10.000 esemplari. Attualmente notiamo sul mercato alcune copie di queste edizioni a prezzi interessanti, neppure lontanamente paragonabili a quelli della prima edizione polacca. Alcune edizioni, tuttavia, sembrano veramente difficili da localizzare e di loro mancano statistiche di passaggio sul mercato dell’usato e antiquario per azzardare una valutazione efficace. Infine, curioso il fatto che l’edizione ceca del 1956 uscì per un editore di libri per bambini.

 

 

Il caso della lingua inglese

 

A tutt’oggi Astronauci non è ancora stato tradotto in lingua inglese.

 

Un caso veramente interessante Si potrebbe supporre che, almeno a livello universitario, una traduzione sarebbe stata quanto meno auspicabile per lo studio di uno scrittore così importante sotto il profilo culturale, letterario e politico in un periodo delicato come la cosiddetta “guerra fredda”.

In America, nel Regno Unito e in altri paesi di lingua inglese, infatti, il romanzo non è stato tradotto in quanto ritenuto un contenitore di elementi di propaganda politica “comunista” nello stile dei primi anni ’50. Come fa notare però Lech Keller in Visions of the Future in the Writings of Stanislaw Lem, sia pur rimanendo un punto di vista plausibile, l’opera rimane leggibile anche oltre 70 anni dopo essere stata scritta. Cioè il suo taglio propagandistico non ne inficia il godimento come opera letteraria d’evasione.

 

L’edizione italiana

 

1° ed. italiana (1963)

La prima – ed unica – edizione italiana di Astronauci è stata Il pianeta morto, di Stanislaw Lem (Milano, Baldini e Castoldi, 1963). Traduzione di Elena Strada Montiglio.

La scelta dell’editore milanese di variare il titolo originale (che in italiano sarebbe dovuto essere “Astronauti”, forse poco evocativo per il gusto nostrano quando si tratta di fantascienza…) non è una scelta isolata. Altri editori, a partire da Verlag Volk und Welt di Berlino est fin dal 1954 (“Il pianeta della morte“), avevano percorso strade simili.

Come si è visto prima, ci sono infatti i casi dell’edizione olandese, uscita come De dreigende planeet [trad. “Il pianeta minaccioso“] di Stanisław Lem (Amsterdam, Pegasus, 1957) e soprattutto dell’edizione francese: Feu Vénus [trad. “Venere di fuoco“], di Stanisłas Lem (Paris, Gallimard, 1962). Quest’ultima assegna un titolo pressoché unico.

 

 

 

 

Disponibilità delle edizioni citate (sempre aggiornato)

 

Astronauci: Powiesc fantastyczno-naukowa, LEM, Stanislaw. Spoldzielnia Wydawniczo-Oswiatowa ‘Czytelnik “, 1951

EUR 1.020,00 circa
Disponibile su ABEBOOKS
Compralo Subito per: EUR 1.020,00 circa
Compralo Subito

Asztronauták, Stanislaw Lem

EUR 16,00 circa
Disponibile su ANTIKVARIUM.HU
Compralo Subito per soli: EUR 16,00 circa
Compralo Subito

 

Stanislaw Lem – Astronautii (tineretului, 1964)

EUR 5,00 circa
Disponibile su OKAZII.RO
Compralo Subito per soli: EUR 5,00 circa
Compralo Subito

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“La vita senza cielo”, di Mario Viscardini (Scrittori nuovi italiani e stranieri, 1933): proto-fantascienza italiana allo stato puro

Il libro fa parte di una trilogia veramente d’eccezione, il cosiddetto Ciclo di Ardo l’Entusiasta di Mario Viscardini. Stiamo ovviamente parlando di Protofantascienza e Mario Viscardini, sebbene sia un autore praticamente sconosciuto, fu un degno rappresentante di questa fase che precede la fantascienza.

Appare una copia di “Fuorilegge al Sud” di Antonio Manuppelli. Scommettiamo che finirà in Puglia?

Un destino segnato per le copie di “Fuorilegge al Sud” di Antonio Manuppelli (Editrice Sapere, 1980) che finiscono invariabilmente in Puglia, quasi sempre in provincia di Foggia.

Quando l’Austria aveva il mare: “Editto politico di navigazione mercantile” (1804)

Anche l’Austria ha avuto il mare e a un certo punto ha pensato a una vera e propria flotta mercantile. L’atto ufficiale di questo sforzo militare-mercantile fu la promulgazione di un Editto politico nel 1774.

Due copie in asta dell’ambito libro cult “Architettura radicale” di Navone e Orlandoni (1974)

Il lavoro di Paola Navone e Bruno Orlandoni è diventato un pezzo raro e ambito, sempre proposto a valutazioni ragguardevoli. In particolare la copertina con il gorilla lo ha reso un vero e proprio libro cult su un argomento di confine come l’architettura radicale.

Salone del libro usato di Milano 2018: “via alle danze”!

Sono le 10 del mattino, aprono adesso i battenti del Palazzo della Cultura di via Tortona a Milano. I librai antiquari, le librerie dell'usato, gli Studi Bibliografici, presentano una selezione del loro materiale, e per un weekend intero è questa la Liberia antiquaria...