"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Strade Blu è la traduzione in italiano del titolo del romanzo Blue Highways: A Journey into America, un libro autobiografico di viaggio scritto da William Least Heat-Moon, pubblicato nel 1982, portato in Italia da Einaudi nel 1988. Romanzo cult, un redivivo Sulla Strada di Kerouac ma ancora più alternativo, rurale e indie dell’altro.

L’autore americano, nel suo viaggio, sceglie infatti di percorrere solamente le strade secondarie, quelle che lui chiama Blue Highways, un’espressione che conia per indicare tutte quelle strade secondarie e poco frequentate tipiche dell’America interna e rurale, di solito tracciate in blu sugli atlanti stradali più vecchi

Strana la vita, perché in Italia diventa – non senza allusioni – il nome di una collana di successo della Mondadori, circa una decina d’anni più tardi.

Strade blu è dedicata agli autori più originali e innovativi ed è un marchio di fabbrica ben conosciuto dal cacciatore di libri, dal libraio e dal venditore di libri su Internet, visto che assai spesso i titoli con il marchio giallo in copertina (sempre in posizione differente) coincidono con dei pezzi rari e molto ricercati.

Caratteristica della collana infatti è di non ristampare mai un titolo, neanche quando in prima edizione questi ha venduto parecchio o è addirittura diventato un caso editoriale. Ciò comporta un esaurimento sistematico di ogni titolo a volte in tempi anche piuttosto brevi.

 

Non ci sono molte rarità ma…

L’anno di esordio della collana è il 1998 e a tutto il 1999 escono dodici titoli.

I primi tre usciti della collana – ottobre 1998 – potrebbero essere stati (in base alla catalogazione che ne fa Amazon, di solito molto precisa): La storia di Shorty, di Guy Vanderhaeghe; Eroi come noi, di Thomas Brussig; La ragazza Houdini, di Martyn Bedford. Ma l’ordinamento non ha niente di ufficiale.

I primi quattro (in ordine sparso in mancanza come detto di una cronologia ufficiale) sono al momento comuni e facilmente reperibili, a prezzi da mercatino dell’usato. (1) La storia di Shorty, di Guy Vanderhaeghe;(2) Aironfric, di Michele Monina; (3) Amen, di Gianluca Nicoletti; (4) L’assenza dell’assenzio di Andrea G. Pinketts.

 

Anche tra i successivi quattro titoli, solo Eroi come noi (uscito nel 1998) oggi spunta valutazioni più alte, mentre appaiono abbastanza comuni gli altri. I titoli sono: (5) L’educazione delle ragazze in Boemia, di Michal Viewegh; (6) Eroi come noi, di Thomas Brussig; (7) La guaritrice, di Gayl Jones; (8) L’impronta dell’angelo, di Nancy Huston.

 

Leggermente più rari appaiono gli ultimi quattro titoli del primo anno che – vi ricordo – non ho potuto elencare nell’effettivo ordine di uscita per mancanza di dati specifici in merito. I titoli sono: (9) L’isterico a metano; fantaromanzo giovane e sinergico, di Filippo Scòzzari; Pietro Scòzzari; (10) Omon Ra, di Viktor Olegovic Pelevin; (11) La ragazza Houdini, di Martyn Bedford;  (12) Survivor, di Chuck Palahniuk.

 

 

Il consiglio del cacciatore di libri

 

In definitiva, nessuno dei 12 titoli della collana Strade Blu di Mondadori del primo anno di uscita (dal 1998 al 1999) può essere considerato al momento un autentico pezzo raro. Merita un’attenzione particolare solo Eroi come noi, di Thomas Brussig, le cui valutazioni si stanno impennando.

Tuttavia, proprio per il motivo della loro buona disponibilità sul mercato, è il momento giusto per completare la prima annata. Ricordatevi sempre che i libri si cercano (e si comprano) quando nessuno li sta cercando (e comprando). La raccolta di una prima annata di una collana di tendenza e che ha fatto epoca come Strade Blu avrà sempre un suo valore.

 

Disponibilità dei titoli citati (sempre aggiornato)

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“L’arte di evocare gli spiriti”: un’edizione anonima curiosa e affascinate (1874): interessante il parallelo con l’opera di Cornelio Agrippa

Che si tratti di un’edizione clandestina? La mancanza del nome dell’autore lo può far credere. Si potrebbe pensare a una riduzione o libera reinterpretazione dell’opera di settore più conosciuta sul finire dell’800, ossia quella di Heinrich Cornelius Agrippa di Nettesheim (Cornelio Agrippa) dal titolo di Il libro del comando ovvero l’arte di evocare gli spiriti”.

“Folklore” di Giuseppe Cocchiara, un manuale Hoepli scritto da un genio di 23 anni!

Pur non spiccando per importanza e rarità tra i Manuali Hoepli più ricercati, si segnala “Folklore” di Giuseppe Cocchiara (Hoepli, 1927) per il suo indubbio valore, anche se l’autore lo scrisse giovanissimo.

Scopriamo se “Gli Scomunicati” (1964) di Costas Socratous fu davvero plagiato da Umberto Eco per scrivere “Il nome della rosa”

The excommunicated” è un romanzo scritto da un autore poco noto, ma apprezzato da una cerchia di lettori di lingua greca. Sostenendo di essere stato plagiato, l’autore ha svelato una serie di similitudini tra la sua opera e il celebre best-seller di Eco.

Tokyo: il capolavoro assoluto del fotografo William Klein

William Klein (nato a New York nel 1928) è un fotografo e regista americano. Uno dei più famosi e importanti fotografi contemporanei. Tokyo (Milano, Silvana editoriale d’arte, 1964) è considerato il suo capolavoro assoluto.

“Bravura” di Emmanuel Carrère: per chi ama la letteratura, Frankenstein e i vampiri – 1° ed. italiana

Il romanzo ruota attorno a un soggiorno realmente accaduto che fecero a Villa Diodati, vicino a Ginevra, i coniugi Shelley, Lord Byron e il dottor Polidori (medico di quest’ultimo). Più in particolare sulle notti passate a raccontarsi storie dell’orrore e culminate con una sfida durante la quale, grazie ai suggerimenti di Polidori, nascerà il futuro Frankenstein di Mary Shelley.