"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

 

Segnalazione Flash

Da Prato con onore

 

Cassius Clay

Angeli e demoni del ring: da Carnera a Cassius Clay, di Giuseppe Signori (Prato, Viridiana, 1967)

Angeli e demoni del ring: da Carnera a Cassius Clay, di Giuseppe Signori, è Il primo libro che parla di Muhammad Ali (allora si chiamava ancora Cassius Clay) stampato in Italia e non ha come padre un editore di Roma o Milano bensì di Prato. E questo editore è il quasi sconosciuto Viridiana. Sconosciuto ai più, certo, ma quei pochi che invece lo conoscono lo considerano una sorta di mito vivente. Ma andiamo più a fondo. Dietro questo nome, infatti, c’è il giornalista Raffaello Pecchioli, scomparso pochi anni fa, che proprio nel 1967 fondò la casa editrice dandole un nome ispirato al celebre film spagnolo Viridiana di Luis Buñuel, un film di eccezionale valore, ma avvelenato da una storia incestuosa che sgomenta lo spettatore dell’epoca.

 

Di cosa parla il libro

Il libro parla di Primo Carnera, Gene “Silent” Hairston, Cassius Clay, Randy Turpin, Jack Solomons, Jake La Motta, Art Aragon e molti altri. Però non è soltanto un libro sul pugilato che rievoca o esalta storie di una disciplina sportiva: è un libro che tratta di uomini, e cerca la verità di questi uomini. Per la prima volta in Italia un libro smaschera, denunciandolo, tutto un mondo di malversazioni e di intrighi. Mostra il rovescio di una epopea che era stata presentata finora con gli attributi della leggenda e del mito.

 

Altre “due perle”

Quello stesso anno per Viridiana uscirono almeno altri due libri che fecero scalpore e anticiparono i tempi, per così dire: L’America in preda al Vietnam, di autori vari ma con la prestigiosa prefazione di Giorgio La Pira e poi Israele: nascita di una nazione, di Riccardo Cecchini e Raffaello Pecchioli, incentrato sulla guerra dei sei giorni. Ecco le copertine nella galleria fotografica che segue:

L’America in preda al Vietnam non è il primo libro sulla guerra del Vietnam uscito in Italia, come qualcuno dice – no, ce ne furono tantissimi prima di quello – però fu sicuramente il primo libro scritto da studenti universitari (laureandi) sull’argomento. E diciamo che l’impatto non fu leggero.

Anche Israele: nascita di una nazione non passò inosservato e in quei giorni del 1967 molti si chiedevano chi fosse questa casa editrice di Prato e chi vi si celasse dietro.

 

 

Disponibilità dei libri citati (sempre aggiornato)

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Due opere rarissime del poeta Edoardo Firpo: “Fiore in to Gotto” (1935) e “A vea scoverta de l’America” (1946)

Due rarissime prime edizioni del poeta genovese Edoardo Firpo (1889-1957), composizioni in dialetto genovese divenute negli anni sempre più introvabili. In asta su eBay.

“Benito I° Imperatore” di Marco Ramperti in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 19 Giugno 2022 Su una bancarella di Via Parboni è stato avvistato “Benito I° Imperatore”, di Marco Ramperti (Editrice Scirè, 1950), un romanzo ucronico del noto giornalista e scrittore romano.

“Il sentiero dei nidi di ragno” di Italo Calvino (Einaudi, 1947): l’ambita prima edizione

Il sentiero dei nidi di ragno è il primo romanzo di Italo Calvino. Pubblicato nel 1947 da Einaudi, è ambientato in Liguria all’epoca della seconda guerra mondiale e della Resistenza partigiana. Alla prima edizione stampata in 1500 esemplari non numerati, segue una ristampa identica alla prima (considerata seconda edizione) nel 1948 (fra la prima e seconda edizione ne furono vendute 6000 copie)

Charta: l’ultima recensione è per il «libro nero»!

Sull’ultimo numero di «Charta» la recensione conclusiva sulla performance di editoria concettuale che fa capo all’aventeformalibro “Dieci regole per falsificare libri” di Marino Massimo De Caro.

I due introvabili volumi di “Casa Savoia” di Paolo Schicchi

“Casa Savoia” dell’anarchico antifascista Paolo Schicchi è una vera e propria requisitoria della famiglia reale – la genesi dei due volumi è legata alle vicissitudini del suo autore esiliato e condannato dall’Italia fascista.