"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Il simbolo di un’epoca

Helmut Newton: Sumo Original (Koeln, Taschen, 1999).

Con tavolo di Philippe Starck
Stampa digitale su carta – 70 × 50 cm
Edizione di 10.000 copie numerate e firmate dall’autore.
Il Sumo di Helmut Newton (1920-2004) è un libro d’artista monumentale, pubblicato nel 1999 in un’edizione limitata di 10.000 copie firmate. A cura della moglie e del collega fotografo dell’artista June NewtonSUMO contiene oltre 400 immagini, tra cui le sue provocatorie fotografie di moda che gli sono valse il soprannome di “Re di Kink“. Il titolo SUMO deriva dalle dimensioni e dalla scala del volume, che misura 70 x 50 cm e pesa circa 30 kg. “Volevo costruire un monumento al fotografo più importante del  XX secolo”, ha spiegato l’editore del libro Benedikt Taschen. Nel 2000, la prima copia di SUMO — firmata da 80 celebrità presenti nel lavoro dell’artista — ha infranto ogni record  quando ha raggiunto $ 430.000 all’asta, diventando il libro più costoso mai prodotto in quel momento.

 

L’ESEMPLARE IN ASTA – L’asta chiuderà alle h. 20:38 circa del 26 giugno 2021.

 

Dalla scheda del venditore:

“Helmut Newton numerato e firmato – Sumo – Monte Carlo, Taschen, 1999 – Numero 4509 / 10.000 esemplari numerati e firmati – Con lo stand originale disegnato da Philippe Starck. Condizione: mai letto. Il libro e la sovraccoperta sono come nuovi.

La più grande e costosa produzione di libri del XX secolo.
Sumo è un libro monumentale sotto ogni aspetto: è un omaggio all’influente, intrigante e controverso fotografo del XX secolo. Il libro contiene 464 pagine, battendo tutti i record precedenti. Sumo è una pubblicazione davvero unica.

SUMO, edito da June Newton, offre un’ampia selezione di oltre 400 foto, la maggior parte delle quali pubblicate per la prima volta, che coprono tutti gli aspetti dell’eccezionale carriera fotografica di Newton: dalle sue splendide fotografie di moda, che hanno aperto la strada per generazioni dei fotografi, ai suoi nudi e ai ritratti di celebrità.

Philippe Starck ha progettato uno stand unico per esporre il libro (che è incluso). La confezione originale è inclusa ma è in cattive condizioni. Questo articolo deve essere imballato con cura.”

 

Disponibilità di ulteriori copie con o senza il supporto originale di Philippe Starck (sempre aggiornato)

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Decreazione” di Josef Koudelka: foto d’autore per il futuro dell’uomo

“Decreazione” (2013) è una fantastica opera del fuoriclasse ceco della fotografia Josef Koudelka, che reinterpreta l’ingannevole rapporto fra uomo e ambiente. Le sue “strisce” sono un marchio di fabbrica.

“Momotarō fiabe giapponesi” (1940): raro e quasi sconosciuto sopravvissuto all’autarchia

Raro e quasi sconosciuto – quindi poco ricercato – libro di favole giapponesi trascritte allo stile narrativo giapponese in un’epoca (1940) in cui i libri di respiro internazionale non erano ammessi dalla cultura autarchica mainstream. Ma in questo caso si tratta di un paese alleato e da qui deriva anche un particolare interesse e probabilmente un certo grado di tolleranza per la sua “esoticità”.

“The Invincible World of the Kris” di Vanna Ghiringhelli: scoprire il mondo del kris

Un libro dedicato agli amanti dell’oplologia, del collezionismo, delle armi in generale

Altri “Libri sui libri” che forse vi sono sfuggiti: tutti in offerta, stavolta su IBS

Altri quattro “libri sui libri” che forse non fanno ancora parte della vostra raccolta, tutti in offerta su IBS sotto i 10 euro – consigli per l’angolo buono della vostra libreria.

“Alpinismo senza chiodi” di Bartolomeo Figari, il libro cult della montagna

Libro che non può mancare nella biblioteca di ogni appassionato di montagna e di arrampicate; Figari fu a capo del CAI nel momento in cui l’Italia salì sul K2, momento forse di massimo splendore (1954) dell’alpinismo nazionale.