"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
avventure di un bibliofilo  /  
23 Settembre 2020

Un romanziere spagnolo che non ebbe fortuna in Italia: José Francés

Poliedrico spagnolo, amante del racconto breve e “voce narrante” di Sherlock Holmes

José Francés y Sánchez-Heredero (1883-1964) già noto con lo pseudonimo di Silvio Lago (con cui recensiva in campo artistico) è stato giornalista, critico d’arte, traduttore e romanziere spagnolo.  Come narratore si distinse particolarmente nel racconto breve, genere in cui vinse importanti premi e da lui preferito, poiché ne scrisse più di quattrocento, riuniti in varie raccolte.

I suoi romanzi, una ventina, sono inferiori alle sue storie brevi ma gli hanno comunque conferito premi in patria. Tra questi, il tema più frequente che affronta è quello erotico, e vale la pena citare El alma viajera (1908) e La mujer de Nadie (1915), quest’ultimo fu il suo più grande successo popolare.

Si è fatto apprezzare come traduttore dall’inglese dei racconti polizieschi di Arthur Conan Doyle e Edgar Allan Poe. In particolare le storie che vedono protagonista Sherlock Holmes e tradotte da Francés fin dall’inizio del 1900, vengono stampate anche ai nostri giorni. Per esempio dalla Editorial Aldevara di Madrid, di cui si trovano in rete edizioni fino al 2009.

Il figlio della notte, di José Francés (Firenze, Cianferoni, 1945)

In Italia sembrerebbero usciti solamente tre libri, con la firma semplificata in José Francés. Tutti oggi estremamente rari. Essi sono: I due Galli (Sarno, Tipografia Fischetti, 1914); L’anima errante (Roma, Casa Editrice M. Carrà, 1922); Il figlio della notte (Firenze, Cianferoni, 1945). Oltre a una moltitudine di racconti sparsi su riviste e periodici.

 

 

 

 

 

 

 

Disponibilità dei libri (sempre aggiornato)

 

 

 

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Luca Buoncristiano: con “Una svastica sul viso” alle radici del male

L’analisi di Panta Carmelo Bene ci conduce casualmente alla scoperta di Luca Buoncristiano, del suo mondo di illustratore e scrittore, del suo alter ego Joe Rotto, da cui per vasi comunicanti si risale fino all’editore italiano (ma con base a Valencia) Gabriele Nero. L’ultimo lavoro riguarda un’icona del male: Charles Manson.

ORIGINALE (NON FOTOCOPIA) – Relazione sulla Vicenda «Gladio», presentata dal Presidente del Consiglio dei Ministri Giulio Andreotti, 26 febbraio 1991, Roma, Camera Dei Deputati – Tipografia Del Senato.

Relazione sulla Vicenda «Gladio», presentata dal Presidente del Consiglio dei Ministri Giulio Andreotti, 26 febbraio 1991, Roma, Camera Dei Deputati – Tipografia Del Senato.

Pier Paolo Pasolini: Ischia, 1959. Edizione limitata RARISSIMO 2005 – una sola copia in OPAC

Collana “Viaggiatori a Ischia”, 2005 – Rarissimo libretto a edizione limitata – reperibile nel solo circuito ischitano. Note, appunti e ricordi del famoso soggiorno di PPP nel 1959 a Casamicciola, zona già presidio del Maestro Luchino Visconti. Copia integra e completa, ormai irreperibile.

Quando alla Pugacioff presi “Verso il Polo con Armaduk” di Ambrogio Fogar

ROMA LIBRERIA PUGACIOFF – Via Andrea Busiri Vici – Venerdì 3 Aprile 2020 Confinato in casa per emergenza sanitaria, ricordo quando presi “Verso il Polo con Armaduk” di Ambrogio Fogar (Rizzoli, 1983).

“Il Planiverso” di Alexander K. Dewdney: questo libro esiste solo in una realtà a 2 dimensioni

Un libro stranissimo, che fa “genere” da solo, o al massimo con un altro: “Il Planiverso” di Dewdney ci porta a fare la scoperta di una realtà ai cui abitanti noi siamo completamente invisibili.