"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

Segnalazione Flash

Una grafica essenziale

Elio Vittorini, di Sergio Pautasso (Torino, Borla, 1967)

Bella scoperta, navigando tra le migliaia di titoli dello Studio Bibliografico Stazione di Posta di Scandicci, Firenze. La prima edizione di Elio Vittorini, di Sergio Pautasso (Torino, Borla, 1967). Il libro è impreziosito da una bella dedica autografa di Pautasso alla scrittrice e saggista Minnie Alzona (Genova, 1920-2008), La copia presso lo S. B. Stazione di Posta

Dalla scheda editoriale:

La figura di Elio Vittorini ha dominato il quadro della cultura italiana dal 1930 in poi: al suo nome sono legate alcune delle più significative esperienze culturali del Novecento, mentre i suoi libri segnano tappe fondamentali nella storia della letteratura. Sergio Pautasso ha analizzato la sua opera dandoci il primo esauriente profilo critico non solo dell´uomo di cultura, ma soprattutto dello scrittore.

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Aldo Moro e Pietro Nenni: un carteggio inedito fra due grandi della scena politica del ‘900

Interessante epistolario ritrovato tra due personaggi che, pur apparendo diversi sotto vari punti di vista, dall’età alle esperienze personali, agli schieramenti politici, hanno contribuito alla costruzione del cosiddetto centrosinistra.

“Route El Fawara Hammamet” di Bobo Craxi e Gianni Pennacchi

ROMA OSTIA LIDO LIBRERIA WILLY’S Sabato 18 Agosto 2018 Sugli scaffali delle occasioni, c’è un libro, pubblicato nel 2003 da Sellerio editore Palermo, di Bobo Craxi e Gianni Pennacchi dal titolo “Route El Fawara Hammamet”.

Sempre raro il controverso “Arcobaleno Beat” di Domenico Celada (1970)

Si tratta della testimonianza di Don Domenico Celada, che nel 1970 fa una vera e propria indagine sociologica sui giovani e sull’omosessualità. Ne viene fuori un affresco però molto goffo e infarcito di luoghi comuni sul mondo gay e su quello della prostituzione giovanile.

Una lettera semi-delirante dell’attore Klaus Kinski alla moglie in vendita in libreria

VIENNA (AUSTRIA) Antiquariat Inlibris Domenica 25 Ottobre 2020 Avvistata una Lettera semi-delirante dell’attore Klaus Kinski (scritta all’incirca nel 1957) alla sua prima moglie, dove si parla di intrighi sessuali ed opere classiche ascoltate fino allo sfinimento.