"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

“Vivere con il terremoto”: un libro per affrontare le sfide delle zone terremotate

 

Vivere con il terremoto: appunti del Comitato campano antinucleare (Napoli, a cura del Centro studi libertari, 1981).

 

Offre una visione approfondita delle condizioni economiche e sociali delle zone terremotate dell’Italia meridionale, in particolare riferendosi ai terremoti che hanno colpito la regione Campania nel 1980.

 

 

Come detto, “Vivere con il terremoto” è stato pubblicato a Napoli nel 1981, sotto la cura del Centro studi libertari. Questo centro è noto per la sua attività di ricerca e analisi negli ambiti sociali e politici. La pubblicazione di questo libro suggerisce un forte impegno nella diffusione di informazioni sulle conseguenze dei terremoti nelle zone colpite dell’Italia meridionale.

Il libro, al momento dell’articolo, ha un’età di circa quarant’anni. Anche se potrebbe essere considerato un testo datato, conserva ancora una rilevanza considerevole nell’affrontare le sfide correlate ai terremoti e alle conseguenze che hanno sulle comunità. Il principale argomento trattato nel libro riguarda le condizioni economiche e sociali delle zone terremotate dell’Italia meridionale. Offre un’analisi dettagliata del contesto specifico in cui queste comunità si trovano a vivere dopo aver subito eventi sismici devastanti. Tratta anche di come le comunità affrontano le conseguenze dei terremoti attraverso le loro vite quotidiane.

Il libro fornisce una prospettiva che va oltre le conseguenze immediate dei terremoti, analizzando le implicazioni a lungo termine e le sfide che tali comunità devono affrontare per vivere e prosperare nelle zone terremotate. Riletto quarant’anni dopo offre spunti di riflessione, sia a livello sociale che statistico-economico, di rilevante portata. Le sfide di allora, sono le stesse di oggi. Convivere rimane la parola d’ordine.
Le comunità terremotate continuano a lottare per adattarsi e superare gli effetti dei terremoti. Vivere con il terremoto può essere un punto di riferimento utile per coloro che desiderano comprendere le complessità di vivere nelle zone terremotate e per coloro che cercano soluzioni per affrontare queste sfide in modo efficace.

 

Il terremoto dell’Irpinia

In data 23 novembre 1980, un violento terremoto colpì l’area dell’Irpinia, provocando distruzione e lasciando dietro di sé profonde cicatrici nel tessuto sociale della popolazione colpita. Le prime scosse hanno avuto inizio al mattino presto, provocando panico e mettendo in allerta gli abitanti della regione. La magnitudo del terremoto ha raggiunto valori considerevoli, causando gravi danni alle infrastrutture, alle abitazioni e alle attività commerciali.

Le conseguenze sociali del terremoto dell’Irpinia sono state drammatiche. Numerose famiglie hanno perso i loro cari, mentre gli sfollati si sono trovati costretti a cercare rifugio nei centri di accoglienza temporanei, dove si sono create condizioni di disagio e precarietà.

Nonostante le difficoltà incontrate, la popolazione dell’Irpinia ha dimostrato una notevole resilienza e solidarietà. Volontari e soccorritori si sono impegnati a supportare le vittime e a fornire assistenza nelle operazioni di soccorso. Le comunità hanno stretto i loro ranghi per superare l’emergenza e ricostruire le loro vite.

Il terremoto dell’Irpinia ha anche avuto ripercussioni economiche significative. Molte attività commerciali sono state distrutte, lasciando molte persone senza lavoro e rendendo la ripresa economica un’impresa difficoltosa. Tuttavia, grazie agli sforzi congiunti delle istituzioni locali, nazionali e internazionali, sono state avviate misure di supporto finanziario e programmi di ricostruzione per aiutare la popolazione a ricostruire e riprendere le proprie attività.

La tragedia del terremoto dell’Irpinia ha evidenziato la necessità di una maggiore attenzione verso la prevenzione e la preparazione ai disastri naturali. È fondamentale che le istituzioni e la comunità lavorino insieme per sviluppare piani di emergenza, migliorare le infrastrutture esistenti e formare la popolazione per affrontare futuri eventi simili.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

Su COMPROVENDOLIBRI

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Il cammino della felicità” di Bernard Benson: molte ristampe eppur non si trova…

Bernard Benson (1922-1996) è stato un inventore inglese, coinvolto nella progettazione dei primi missili britannici. All’inizio degli anni ’60, si ritirò e si trasferì in Francia, dove iniziò a scrivere libri per bambini basati sulla filosofia di un gruppo di monaci tibetani. Di questi il più famoso è “Il cammino della felicità”.

DRACULA BY BRAM STOKER – The Mystery of The Early Editions by Simone Berni

English colour Edition, bound, hardcover Price: €43.00 Buy here

“L’arte di non leggere” di Fruttero & Lucentini (RaiUno Relazioni Pubbliche 1994): un concept book ormai introvabile!

Libretto di presentazione del programma tv “L’arte di non leggere” condotto dagli scrttori Fruttero & Lucentini dal 26 aprile 1994 su RaiUno. Le prime pagine sono di presentazione del programma con alcune foto, quelle che seguono, una sessantina, sono completamente bianche.

“Piccole perle” delle Edizioni Ripostes di Salerno in bancarella!

ROMA PORTA PORTESE Domenica 2 Settembre 2018 su una bancarella sono stati avvistati 11 libretti di autori vari tutti editi dalla casa editrice di Salerno Ripostes.

“Nuovi casi per il cacciatore di libri” già introvabile? No, tranquilli! Però…

MILANO SALONE DELLA CULTURA – Si segnala che Sabato 19 Gennaio e Domenica 20 Gennaio 2019, presso il tavolo dell’Editore Biblohaus, sarà in vendita una tiratura limitata di “Nuovi casi per il cacciatore di libri” (Edizioni SimOn & Biblohaus),