"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Cento anni fa il “terzo sesso” e il gusto del proibito

Henry Gauthier-Villars (1859 – 1931) è stato uno scrittore francese che ha operato a cavallo fra XIX e XX secolo. Secondo Sylvain Bonmariage in Willy, Colette et moi (Paris, éditions Anagramme, 2004) è anche conosciuto con gli pseudonimi di: Willy, Henry Maugis, Robert Parville, l’Ex-ouvreuse du Cirque d’été, L’Ouvreuse, L’Ouvreuse du Cirque d’été, Jim Smiley, Henry Willy, Boris Zichine.

Divenne noto grazie a L’Echo de Paris ed a Comohedia in quanto i suoi articoli facevano discutere ed è stato uno dei più importanti rappresentanti dello spirito “boulevardier” della prima parte del XX secolo.

Fu molto prolifico, scrivendo circa 60 opere tra saggi e romanzi, molte delle quali tradotte nelle maggiori lingue. Gauthier-Villars era il compagno di Colette (pseudonimo di Sidonie-Gabrielle Colette, 1873 – 1954), scrittrice ed attrice teatrale famosissima in Francia nella prima metà del Novecento.

 

Il “Terzo sesso”

prima edizione originale francese (1927)

Trentadue anni prima del classico di Simone de Beauvoir (Le Deuxième Sexe, 1949), il famoso romanziere francese Willy aveva pubblicato Le troisième sexe, una lucida descrizione del mondo degli omosessuali europei in Francia, Italia e Germania alla fine degli anni ’20 del XX secolo. Entrando indiscretamente nel cuore della cultura degli uomini gay, Willy segue la vita notturna omosessuale nelle sale da musica, nelle discoteche, nei casinò, bar e saune della capitale francese. Allo stesso tempo è testimone di tutti i vizi capitali, dalle droghe all’alcol, e mette tutto quanto nel suo libro.

Libro che è una vera e propria guida gay ante litteram di Parigi e della Francia, con i nomi dei locali e dei punti di ritrovo della comunità omosessuale. L’autore, nella sua indagine, informale ed estemporanea, scopre anche una serie di personaggi, da editori omosessuali, scrittori, poeti, fino a società scientifiche e congreghe di studiosi in perenne disputa sulla natura dell’omosessualità stessa.

Le troisième sexe è molto interessante per la conoscenza dell’ambiente omosessuale dell’epoca. Un intero capitolo è dedicato agli omosessuali celebri del tempo, di cui si parla a volontà, e l’opera si conclude con uno dedicato alla letteratura di genere.

 

Le varie edizioni

Le troisième sexe uscì in originale nel 1927, stampato da Paris éditions di Parigi con una bellissima copertina in stile art déco che mostra un volto androgino, ossia l’iconografia personificata del terzo sesso, né donna, né uomo. Per tutto il XX secolo l’opera non è stata più riproposta. In copertina il titolo appare nella forma abbreviata dell’ordinale in cifre arabe.

Nel 2014, per merito di GKC-Question de genre, di Montpellier, il libro è stato riproposto al pubblico francese, con lo stesso titolo (sempre con il nominale abbreviato in copertina). Già nel 2007, però, l’opera di Willy era ritornata disponibile (stavolta in lingua inglese, con il titolo The Third Sex) per merito della University of Illinois Press. Sia l’editore di Montpellier che quello americano hanno riproposto la copertina art déco originale del 1927.

Un’edizione poco conosciuta è invece quella argentina, del 1933, El tercer sexo – novela, a cura della Editorial “El Ombu” di Buenos Aires. Nell’occasione viene completamente ridisegnata una copertina nuova, che ha un fascino particolare, con un individuo androgino a tutta figura con sigaro e bocchino. Il libro, come le altre edizioni (eccetto quella americana), si apre con la prefazione di Luis Estève.

 

Altri libri di Willy con tematiche gay

Ersatz d’Amour (Amiens, Librairie Edgar Malfère, 1923)

Ersatz d’Amour (Amiens, Librairie Edgar Malfère, 1923) è un romanzo francese di Willy pubblicato nel 1923 , co-firmato con Ménalkas, pseudonimo della donna di lettere Suzanne de Callias (1883-1964). È la storia d’amore gay tra un giovane pittore francese e un ufficiale tedesco durante la prima guerra mondiale.

Il libro ha un seguito con Le Naufragé (Amiens, Librairie Edgar Malfère, 1924), con le i due autori che si firmano ancora attraverso gli pseudonimi Willy e Ménalkas.

Entrambe le opere sono state riproposte nel 2014 dall’editore GKC-Question de genre di Montpellier.

 

 

Disponibilità delle edizioni citate (sempre aggiornato)

WILLY LE 3E SEXE. (LE TROISIEME SEXE). Paris Editions 1927.

EUR 180,00
Disponibile su MAREMAGNUM
Compralo Subito per: EUR 180,00
Compralo Subito

EL TERCER SEXO , Willy [Henry Gauthier-Villars], Editorial El Ombu, Buenos Aires, 1933.

EUR 150,00
Disponibile su COMPROVENDOLIBRI
Compralo Subito per: EUR 150,00
Compralo Subito

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

In uscita per Biblohaus “Struzzi senza prezzo” di Massimo Gatta: i fuori commercio Einaudi

In uscita “Struzzi senza prezzo”, di Massimo Gatta (Biblohaus, 2019); sottotitolo: “Note sulla collana “fuori commercio” Einaudi (1946-2018)”, su delle pubblicazioni Einaudi misconosciute, mai censite prima d’ora.

Un’edizione unica in italiano: “Il guadagno scientifico di una sola unità a la Roulette…” di Marigny de Grilleau

Probabilmente è l’edizione italiana di “Le gain scientifique d une seule unité sur toute attaque d une figure sélectionnée a la Roulette ou au Trente et Quarante”, stampato in Francia nel 1926 e in altre lingue (tedesco, inglese, spagnolo).

Quando al mercatino ci si imbatte nella storia dell’editore Barbera di Firenze

ROMA MERCATINO DI MONTEVERDE Via dei Quattro Venti Mercoledì 23 Giugno 2021 La casa editrice Barbèra è stata fondata da Gaspero Barbèra a Firenze nel 1854. Ha come marchio la rosa e l’ape col motto “non bramo altr’esca”, tratto da un verso di Petrarca.

Il “Canaro” della Magliana e i libri sull’omicidio di Giancarlo Ricci

La vicenda del cosiddetto “Canaro”, ossia Pietro De Negri (classe 1956), che deve il soprannome all’attività di toelettatore di cani nella zona popolare della Magliana Nuova a Roma, condannato per l’omicidio efferato del pugile dilettante Giancarlo Ricci nel 1988, ha dato vita negli anni ad almeno tre libri sull’argomento.

Questo libro spiega dove sono finite le carte di Moro e perché Walter Tobagi non fu salvato

“Le Carte di Moro Perché Tobagi” di Roberto Arlati e Renzo Magosso (Franco Angeli, 2003) per anni è stato un libro assolutamente introvabile – siamo adesso in una fase di relativa trovabilità e converrebbe approfittarne.