"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

 

ROMA MERCATINO DI MONTEVERDE Via dei Quattro Venti Mercoledì 23 Giugno 2021 Rovistando tra gli scaffali dei libri del mercatino, ho avvistato, allo stato immacolato di nuovo, un libro interessante dedicato alla storia di una casa editrice dal passato veramente glorioso, facente capo alla famiglia Barbera, contrassegnata dal marchio di una rosa visitata da un’ape e accompagnata dal motto petrarchesco “non bramo altr’esca”.

Lo ha scritto una triade di autori: Milva Maria Cappellini, Aldo Cecconi, Paolo Fabrizio Iacuzzi: La rosa dei Barbera: editori a Firenze dal Risorgimento ai Codici di Leonardo, a cura di Carla Ida Salviati, con presentazione di Paolo Galluzzi, edito in prima edizione a settembre 2012 da Giunti Editore S.p.A, per la Fondazione Renato Giunti.

Questo saggio è il risultato dell’elaborazione coordinata dei testi di tre autori: Milva Maria Cappellini, cui va attribuita la parte prima del libro, con il titolo I Barbera, una famiglia di editori e Aldo Cecconi e Paolo Fabrizio Iacuzzi, ai quali vanno attribuite la parte seconda intitolata: La casa editrice Barbera dopo i Barbera.

Cecconi e Iacuzzi hanno inoltre curato i corposi apparati iconografici (anche a colori) e i testi delle appendici (bibliografia essenziale, indice delle collane, indice dei libri e dei periodici).

Il libro è in formato 8° grande con 284 pagine, impreziosite da numerose immagini d’epoca. Il volume, rilegato in tela, ha una sovracopertina che riporta, su progetto grafico di Adria Villa, la riproduzione della prima lettera che, in data 1857 Giosuè Carducci, giovane di ventidue anni, scrisse al tipografo editore Gaspero Barbera, proponendogli la propria collaborazione (dall’Archivio storico Giunti Editore Fondo Barbera).

Il bel volume, la prima complessiva ricostruzione di un tassello ineludibile della storia dell’editoria italiana, era prezzato 10 euro. (E. P.)

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

La Rosa Dei Barbera Editori Firenze Dal Risorgimento Ai Codici Di Leonardo Forniture assortite, 2012

EUR 18,05
Disponibile su AMAZON
Compralo Subito per soli: EUR 18,05
Compralo Subito

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Dark Demonia” di Isabella Santacroce (2005): si è risvegliato l’interesse! Ma cosa c’è dietro?

Negli ultimi anni il comprovenditore di libri non avrà potuto fare a meno di notare un titolo, “Dark Demonia”, che, a seconda dei periodi, viene posto in vendita ora a quattrocento, ora a trecento e ora a duecento euro. Proviamo a districarci tra leggende metropolitane, dicerie e operazioni di marketing spontaneo.

Rastrellata su eBay ogni copia presente de “I sopravvissuti” di Terry Nation. Argomento: pandemia

Tutte le copie presenti in vendita de “I sopravvissuti” di Terry Nation sono state rastrellate negli ultimi tempi – il romanzo in questione (anni ’70) paventava un’umanità decimata dalle conseguenze di un virus letale.

“La terza ondata” di Alvin Toffler in bancarella

MILANO FIERA DI SINIGAGLIA Sabato 30 Giugno 2018 avvistata una copia del raro “La terza ondata”, di Alvin Toffler (Sperling & Kupfer, 1987). Libro che apre scenari futuri vagamente apocalittici.

“Morte di italiani” di Stefano Terra (Moretti, 1945) con la sovraccoperta disegnata da Renato Guttuso

La prima edizione del libro fu stampata a Il Cairo (Giustizia e libertà, 1943). A quanto pare, nel 1945, l’editore Alceo Moretti fece una tiratura con sovraccoperta di Renato Guttuso, come edizione di lusso del libro. “Morte di italiani” è una raccolta di racconti arguti e polemici, sulla Resistenza italiana.

Spunta a Porta Portese una copia di “La distruzione del mondo? Hitler prepara…” di Darius Caasy

ROMA PORTA PORTESE 31 Ottobre 2021 Fa la sua comparsa al mercatino “La distruzione del mondo? Hitler prepara…” di Darius Caasy, molto ricercato dai collezionisti. Una copia della prima edizione è stata vista (per scomparire subito dopo) in vendita a 80 € in una bancarella. Si riaccende la passione per questo titolo?