"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

 

Soumission, di Michel Houellebecq (senza luogo di stampa, senza dati editoriali, senza data) [edizione pirata non autorizzata; lingua: francese].

 

Brossura editoriale con sovraccoperta illustrata con alette; formato di 12,6 x 20,5 cm circa; 300 pagine; edizione non specificata;

 

Ai tempi dell’uscita di Soumission (2015) circolava a Parigi qualche copia del suo libro recante una copertina diversa da quella ufficiale dell’editore francese. Risultò essere un’edizione pirata del libro; oggi ha un mero interesse collezionistico per la rarità e per l’importanza sociale dell’opera.

 

Chi è l’autore?

Michel Houellebecq (nato nel 1956), pseudonimo di Michel Thomas, è uno scrittore, saggista, poeta, regista e sceneggiatore francese. L’autore, spesso assimilato al movimento anglosassone detto di Anticipazione sociale, è considerato uno dei più rilevanti scrittori della letteratura francese contemporanea. Houellebecq  era noto ad una ristretta cerchia di lettori italiani fin dal suo romanzo d’esordio, Le particelle elementari, avvenuto in Italia nel 1999, libro che adesso è fuori catalogo ed abbastanza ambito dai collezionisti di rarità. In Italia il grande pubblico lo ha definitivamente conosciuto il 7 gennaio del 2015. Infatti, con il drammatico fatto di sangue che ha visto pressoché sterminata la redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, il nome dello scrittore francese è venuto alla ribalta, ripetuto in tv e sui giornali. Sua, infatti, la caricatura che appare in copertina del celebre numero 1177 del settimanale, nel quale si annunciava l’imminente uscita del nuovo romanzo Soumission (Sottomissione), che in Italia è arrivato la settimana successiva, stampato ancora da Bompiani.

 

Di cosa parla il libro?

Il romanzo è ambientato in una Parigi e in una Francia del futuro prossimo venturo, quando, secondo lo scrittore, il paese sarà assoggettato all’Islam e tutti dovranno osservare i precetti di questa religione, compreso il Ramadan. Tanto è bastato, perché la polizia francese mettesse immediatamente sotto scorta il temerario autore. L’edizione qui analizzata è una edizione pirata in lingua originale non identificata, risalente con ogni probabilità all’epoca della prima uscita del libro in Francia.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Su COMPROVENDOLIBRI (copia pirata)

 

Su EBAY (copie originali)

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Amleto Vespa, spia italo-cinese, e le edizioni del libro che causarono la sua morte

Storia di un libro (“Agente segreto del Giappone”) e delle sue edizioni disperse ai quattro punti cardinali; il libro e le sue clamorose rivelazioni sulle carneficine dell’esercito giapponese in Cina durante l’ultima guerra, furono alla base della caccia all’uomo e successiva uccisione del suo autore, la spia italo-cinese Amleto Vespa.

Quando vincevo al Casinò: e leggevo Walter Benjamin, Fante e Poirot

Un bibliofilo senza chiara cittadinanza (ma Daniele è il suo vero nome), ci parla di vita vissuta e immaginata, di corse di cavalli, vincite (poche) al casinò e di un turpe delirio che fa da tela al dipinto della sua vita: il libro.

I libri sulla rapina del secolo di Knigthsbridge di Valerio Viccei

Personaggio iconico, conosciuto e temuto nel Regno Unito, si dice che Valerio Viccei fosse a conoscenza di alcuni segreti di alto livello, proprio appresi dai documenti trafugati in quella che fu definita la rapina del secolo, nel 1987.

“Memorie di Taddeo Ugoleto parmigiano bibliotecario di Mattia Corvino re d’Ungheria” di Ireneo Affò (1781)

Libro interessantissimo per il bibliofilo e lo storico del XV secolo. La figura del bibliotecario di Parma Taddeo di Ugoleto è quasi sconosciuta. Fu il bibliotecario del re d’Ungheria Mattia Corvino (XV sec.) contemporaneo di “Dracula” e papa Enea Silvio Piccolomini di Pienza.

“Il killer metafisico” di Jurij Mamleev: una vera ‘mosca bianca’ nella letteratura russa: introvabile l’edizione Voland (1997)

Il primo romanzo tradotto in italiano dell’eccentrico scrittore russo. Un candido assassino che uccide e squarta le sue vittime nel tentativo di decifrare l’enigma dell’anima e dell’aldilà in un’inquietante galleria di personaggi strambi e squilibrati sullo sfondo della sonnolenta Russia degli anni ’60.