"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

El arte del hierro martillado en Siena (Siena, Ditta Pasquale Franci, 1925). [in lingua spagnola]

 

L’arte del ferro battuto a Siena” (trad. dallo spagnolo). Catalogo per lo più fotografico e con testo in lingua spagnola dove vengono mostrate le opere maggiori della benemerita Ditta Pasquale Franci di Siena e le loro creazioni più prestigiose in giro per l’Italia. Con una meravigliosa copertina. Catalogo sconosciuto all’Opac SBN ma ce n’è una copia alla Louisiana State University di Baton Rouge.

 

 

 

Nato a Siena nel 1821, Pasquale Franci ha lasciato un’impronta duratura nel mondo dell’arte del ferro battuto. Orfano in tenerissima età, la sua storia inizia come un avvincente racconto di perseveranza e successo. Cresciuto in un orfanotrofio, il giovane Franci iniziò il suo apprendistato presso il burbero fabbro Magri. Nonostante gli ostacoli iniziali, la sua passione e determinazione lo portarono a perfezionare il suo mestiere presso il fabbro Reggioli, un personaggio dal carattere, invece, affabile e cordiale.

Dopo aver imparato a leggere e scrivere, frequentando l’Istituto di belle arti e la scuola di ornato diretta da Giorgio Bandini, Pasquale Franci aprì la sua bottega nel 1845, specializzandosi nella produzione di sciabole e rifiniture d’ottone. La sua bottega crebbe rapidamente, tanto che alla fine del secolo contava oltre cento operai, e aprì filiali in varie città d’Italia, dimostrandosi un pioniere intraprendente nel campo dell’artigianato.

La grandezza di Pasquale Franci si manifestò nella costruzione di un imponente palazzo a Via Garibaldi su disegno di Giuseppe Partini, simbolo tangibile del suo straordinario successo. Oltre a ciò, nel 1890 inaugurò una nuova grande officina vicino alla barriera di San Lorenzo, sempre a Siena, contribuendo in modo significativo allo sviluppo dell’artigianato locale.

Partecipando a numerose esposizioni nazionali e internazionali, Pasquale Franci ricevette premi e riconoscimenti di grande prestigio, compresa la croce di cavaliere dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro conferitagli dal re Vittorio Emanuele II nel 1863. La sua officina produsse non solo manufatti d’uso domestico di ottima qualità e accessibili, ma anche opere in ferro di straordinaria maestria e innovazione, introducendo significative novità nella verniciatura “a fuoco” e nella fusione.

Alla morte di Pasquale Franci nel 1907, i nipoti proseguirono l’attività, mantenendo vivo il suo straordinario lascito nell’arte del ferro battuto. Tra le innumerevoli opere da lui prodotte, si distinguono i ferri battuti del Palazzo di Giustizia e del Palazzo delle Assicurazioni Generali a Roma, il cancello per il Palazzo Curiel a Firenze, il lampadario in stile orientale per la chiesa russa a San Gimignano, e moltissime altre opere che hanno reso rinomato il nome di Pasquale Franci nella storia dell’arte del ferro in Italia e nel mondo.

Pasquale Franci rimane un esempio di dedizione, passione e perizia artigianale, il cui impatto si riflette ancora oggi nei tesori artistici e architettonici da lui creati. La sua eredità continua a ispirare artisti e artigiani, mostrando il valore eterno dell’arte e del mestiere nel plasmare il nostro mondo. Con la sua maestria nel ferro battuto, ha lasciato un’impronta duratura nella storia artistica e artigianale italiana, unendo abilmente innovazione, qualità e bellezza per creare opere destinare a durare nel tempo.

 

 

Disponibilità di eventuali copie (sempre aggiornato)

 

Su COMPROVENDOLIBRI

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Il futuro e l’arte divinatoria: una collezione di libri insolita ma affascinante di De Vecchi editore

Tutte le volte che ci avviciniamo alla fine di un’annata o di un periodo della vita in generale ci chiediamo come sarà il prossimo anno, che cosa ci riserverà il futuro. E da sempre due sono le metodologie d’approccio: quella divinatoria / magica e quella scientifica. De Vecchi editore ebbe chiara fama con una fortunata collana negli anni ’50 e ’60.

A caccia delle edizioni rare di “La Fattoria degli animali” di George Orwell

George Orwell, oltre ad essere uno degli autori più importanti del ‘900, è anche fonte di innumerevoli spunti per il bibliofilo e il collezionista di libri rari. Le sue prime edizioni, sono state e vengono costantemente studiate in tutto il mondo. In particolare “La fattoria degli animali”.

“Bischerate” (1976) di Ottone Rosai: libro originale per pochi euro

Interessante opera postuma di Ottone Rosai dedicata alle sue minuzie espressive.

“Settimo grado” di Reinhold Messner: un altro libro cult per l’arrampicata

“Settimo grado” di Reinhold Messner è un titolo molto ambito tra i collezionisti di libri sulla montagna; tra le varie edizioni anche una giapponese.

Un rarissimo instant book su Luigi Tenco (1968), ricordato dai suoi fan

ROMA (ASPETTANDO PORTA PORTESE) Domenica 28 Marzo 2021. Oggi niente mercatino a causa delle restrizioni sanitarie per la pandemia in corso. Ricordiamo volentieri un ritrovamento di quasi tre anni fa. “In ricordo di Luigi Tenco”, del Club Luigi Tenco di Venezia (Istituto Tipografico Editoriale, 1968) è un libro rarissimo, di quelli da Chi l’ha visto? Due copie alle Biblioteche Nazionali di Firenze e Roma.