"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
segnalazione flash  /  
19 Febbraio 2021

Esce “Con Crali il futurista: cronache del movimento futurista 1909-1992” di Domenico Cammarota (Biblohaus)

 

Con Crali il futurista: cronache del movimento futurista 1909-1992, di Domenico Cammarota (Macerata, Biblohaus, 2021)

 

Straordinario saggio-intervista di Domenico Cammarota sul pittore futurista Tullio Crali (1910-2000) con il quale si traccia un percorso cognitivo che attraversa tutto il corpus del movimento futurista, e dalla viva voce di uno degli assoluti protagonisti.

Sebbene nella sua carriera artistica Crali abbia espresso molteplici stili e abbia prodotto opere d’arte assimilabili a svariate tendenze e movimenti, quello futurista fu senza dubbio lo status con il quale maggiormente viene oggi identificato.

Soprattutto l’Aeropittura fu il mezzo con il quale egli cavalcò l’arte futurista e con il quale espresse la parte più significativa delle sue opere.

L’assoluta maggioranza dei documenti che lo riguardano, le lettere, gli scritti e le carte personali furono donate da lui stesso nel 1999, e raccolte in un fondo dedicato, all’Archivio del ‘900 del MART di Rovereto.

 

Dalla scheda editoriale:

“In questo volume Con Crali il Futurista, trascrizione integrale d’una lunghissima intervista concessa dall’aeropittore Tullio Crali a Domenico Cammarota dal 1988 al 1992, sono ricostruite le memorie inedite del Movimento Futurista durante il ventennio fascista e oltre, in una dettagliatissima e affascinante narrazione densa di contributi critici e inediti retroscena, raccolti dalla viva voce d’uno dei più grandi protagonisti dell’arte italiana del ‘900; di particolare importanza storica risultano le tante pagine dedicate alla genesi e allo sviluppo dell’Aeropittura, di cui Crali è stato il maggior interprete artistico. Completano il volume, d’affascinante lettura grazie anche alla frizzante Vis polemica dell’artista, una ricca appendice di rari Manifesti e altri scritti critici di Crali; di cui la Biblohaus ha in corso di stampa anche lo spettacolare libro-oggetto parolibero a colori Aeromusiche d’Alfabeto in libertà (1944), raccolta scritta insieme a F.T. Marinetti e Raul Cenisi, e finora rimasta parimenti inedita.”

 

Disponibilità del libro & altri correlati (sempre aggiornato)

 

Domenico Cammarota – CON CRALI IL FUTURISTA – cronache del movimento futurista 1909-1992

EUR 15,00
Disponibile su BIBLOHAUS
Compralo Subito per soli: EUR 15,00
Compralo Subito

 

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

A Novembre comprate solo libri con la copertina gialla su Libraccio

A Novembre bisogna comprare solo libri gialli (cioè con la copertina gialla). Non sapete perché? Tutto nasce da una strana richiesta al cacciatore di libri… Articolo di Chanel.

“Neutral Corner”, di Ignacio Aldecoa (1962): un geniale libro spagnolo in asta – sarà uno dei più ricercati nel prossimo futuro

Ecco un vero e proprio “oggetto volante non identificato” nella letteratura spagnola della seconda metà del ‘900: stiamo parlando di “Neutral Corner” di Ignacio Aldecoa (Editorial Lumen, 1962) un libro di racconti e raffinati scatti in bianco e nero del fotografo Ramón Masats che la critica iberica ha sempre avuto difficoltà nel classificare. Eppure il libro è geniale. Una rara copia in asta su Catawiki.

“Il cammino della felicità” di Bernard Benson: molte ristampe eppur non si trova…

Bernard Benson (1922-1996) è stato un inventore inglese, coinvolto nella progettazione dei primi missili britannici. All’inizio degli anni ’60, si ritirò e si trasferì in Francia, dove iniziò a scrivere libri per bambini basati sulla filosofia di un gruppo di monaci tibetani. Di questi il più famoso è “Il cammino della felicità”.

Una gemma rara per il collezionista di libri sugli Alpini: Ubaldo Riva

“Gli alpini son fatti così”, di Ubaldo Riva (Roma, 10° Reggimento Alpini, 1937) è un raro libro sugli alpini, scritto da un personaggio, bergamasco, con pagine memorabili su queste benemerite “Truppe di montagna”.