"Ogni libro par che dorma, eppur sua è ogni orma"
Curiosità | News | Speciali  /  
14 Gennaio 2019

“I giovani” di J. D. Salinger, sapevate niente della fascetta, del segnalibro e della busta?

 

Se ne parla adesso ma nel 2015 passò inosservato

La vicenda di cui si parla in queste settimane e che ruota attorno al celebre scrittore americano, ma anche un po’ misantropo e misogino, J. D. Salinger, ci parla di un Tribunale, quello di Milano, che ha emesso un’ordinanza di ritiro dal mercato di un libro (“I giovani” – raccolta di tre racconti) uscito nel 2015. All’epoca se ne parlò sui siti specializzati di libri, uscirono le solite recensioni concordate, ma alla fine il “segno” non rimase. Diciamoci la verità, senza ipocrisie, chi se lo sarebbe ricordato se non fossimo stati costretti a ricordarcene dagli eventi che incalzavano?

Eh sì, perché la recente sentenza del Tribunale di Milano del 21 Dicembre 2017 – pubblicata sui quotidiani nazionali – condanna il Gruppo Editoriale Il Saggiatore a pagare i danni materiali e morali agli aventi diritto (cioè Colleen M. Salinger, Matthew Robert Salinger; rispettivamente vedova e figlio dello scrittore americano) a seguito della pubblicazione della raccolta di racconti (tre) dal titolo I giovani, pubblicato nel 2015. Il Gruppo Editoriale Il Saggiatore avrebbe comprato i diritti da chi in realtà non li deteneva e quindi non poteva a sua volta rivenderli, cioè la Devault-Graves. La vicenda si chiude con la solita frase di rito. “Ritiro e distruzione di tutti gli esemplari in commercio“.

Ma torniamo al 2015. Il cacciatore di libri Enrico Pofi di Roma mi rivela – quanti se lo ricordavano? – che all’epoca nelle librerie Il Saggiatore organizzò una sorta di evento per l’uscita del libro. Il libro era dotato infatti di fascetta editoriale rossa, che recitava: “L’atteso inedito dell’autore del Giovane Holden“, un segnalibro in tema e addirittura una busta di tela per portarsi il libro a casa. Con queste dotazioni al completo quanto può effettivamente valere una copia che su eBay è già stata valutata 110 € il 7 Gennaio 2019. Pregasi consultare la seguente galleria fotografica.

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

 

[Si ringrazia Cosma Bonasia per le foto gentilmente fornite]

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Sacco e Vanzetti”: l’introvabile instant book di Raffaele Schiavina

Un libro molto raro nella sua edizione originale è “Sacco e Vanzetti: cause e fini di un delitto di stato”, di Raffaele Schiavina; (Paris, J. Bucco, 1927). Ne sono state fatte due ristampe più recenti.

Rara prima edizione di Giorgio Scerbanenco: “Elsa e l’ultimo uomo” (Rizzoli, 1958) a 12 €

Prima edizione del romanzo di Giorgio Scerbanenco (1911-1969). Non si esaurisce la “febbre” verso un romanziere (milanese d’adozione) che ha spaziato dal racconto sentimentale, al giallo, alla fantascienza fino al western. E che ancora fa proseliti di fan, studiosi e lettori.

“Scusi dov’è il set?: confessioni di un film-maker” di Jerry Lewis (Arsenale, 1982): valutazioni stratosferiche per un libro mai più ristampato

Libro fattosi raro e con valutazioni molto alte, è l’edizione italiana di The Total Film-Maker (New York, Random House, 1971). Il grande attore comico racconta se stesso, i suoi film, le sue regie; ci fa partecipi della sua arte, di come ha cominciato (casualmente) a fare il regista e di come procedeva sul set. Sembra che ci siano due edizioni (1982 e 1983) pressoché identiche.

“L’Ape e il comunista” un libro brigatista in libreria…

Ancora trovabile in qualche libreria un libro pubblicato nel 2013 da Pgreco Edizioni, dal titolo “L’ape e il comunista”, definito il più importante documento teorico per mano dalle brigate rosse.

“La meravigliosa storia del falso Artemidoro” di Luciano Canfora

ROMA MERCATINO DI VIA ROITI (ZONA MARCONI) Mercoledì 21 Agosto 2019 Si segnala “La meravigliosa storia del falso Artemidoro” di Luciano Canfora (Sellerio, 2011).