"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

L’arte mia, di Francesca Alinovi (Bologna, Il Mulino, 1984).

 

Il libro più importante, praticamente il testamento spirituale della critica d’arte e gallerista Francesca Alinovi.

 

 

 

 

Chi era Francesca Alinovi

Francesca Alinovi (1948-1983) è stata una critica d’arte di grande talento la cui vita è stata tragicamente interrotta quando è stata assassinata a 35 anni nel suo appartamento a Bologna. Il suo omicidio ha suscitato grande scalpore mediatico. L’assassino è stato identificato come Francesco Ciancabilla, un giovane pittore con cui Alinovi aveva una relazione tumultuosa durata due anni. Dopo aver scontato la sua pena, Ciancabilla è stato rilasciato nel 2005, dichiarandosi ancora innocente e sostenendo che l’assassino rimane sconosciuto.

Francesca Alinovi era nota per il suo lavoro nelle arti visive, sui graffiti e nella critica d’arte. Il suo contributo al mondo dell’arte e la tragica fine della sua vita continuano a suscitare dibattito e interesse in tutto il mondo.

Del libro principale della giovane critica d’arte ci dovrebbero essere due edizioni, L’arte mia, di Francesca Alinovi (Bologna, Il Mulino, 1984) e L’arte mia (Ravenna, Danilo Montanari, 2001).

Francesco Ciancabilla, in arte Frisco, nasce a Napoli nel 1959. Artista, traduttore, insegnante di lingue, globetrotter.

 

 

 

 

Disponibilità dei libri (sempre aggiornato)

 

Su AMAZON

 

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Quest’anno Oreste Del Buono avrebbe compiuto 100 anni! Di lui due perle bibliofile quasi introvabili!

Quest’anno Oreste Del Buono avrebbe compiuto 100 anni. Il bibliofilo medio ricorda di quest’autore innumerevoli spunti per letture e consigli di libri buoni e autori validi ma poco conosciuti. Del Buono era una penna invidiabile, affidabile ma senza catene, lucido ma sognatore, rigoroso ma libero. Alcuni suoi libri rivestono grande interesse bibliofilo, come i due che fece ritirare dal suo editore.

Per il collezionista di bibliofilia: “Un grande bibliofilo della Romagna: Carlo Piancastelli (1867 – 1938)” di Domenico Fava a 15 €

Interessante stralcio da rivista anonima il cui contenuto illumina sulla figura del grande bibliofilo, collezionista d’arte e bibliografo di Imola.

Diabolik, esce un albo speciale in attesa del film dei Manetti – Libri – Libri e film – ANSA

https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/libri/libri_film/2020/07/27/diabolik-in-attesa-film-manetti-albo-speciale-io-sono-eva_bc437904-cdbb-44f6-a22e-8e42d7c5daaf.html

Raro e inaspettato: lettera aperta a Mussolini del Movimento Hallesista Internazionale

Secondo il suo ideatore, Agostino Maria Trucco, l’Hallesismo avrebbe dovuto risolvere il problema economico; ne parlò a Mussolini, con il risultato di una persecuzione senza precedenti verso di lui e i suoi collaboratori: va letta e studiata la lettera che l’autore scrisse al duce Mussolini.

“Parigi 1937” di Carlo Belli in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 28 Aprile 2019 avvistato “Parigi 1937” di Carlo Belli (Edizioni della cometa, 1980), un racconto dell’autore del più ben famoso “Kn”.