"Avete fatto caso che gli unici roghi della storia riguardano libri e streghe?"

 

Le lacrime del pagliaccio, di Maurizio De Giovanni (Napoli, Graus, 2006).

 

Brossura editoriale con alette; formato di 15,1 x 20,9 cm circa; 198 pagine; prima edizione.

 

Chi è l’autore?

Maurizio De Giovanni (Napoli, 1958) è uno scrittore, sceneggiatore e drammaturgo italiano, autore perlopiù di romanzi gialli. A Napoli vive e lavora. Nel 2005 partecipa a un concorso riservato a giallisti emergenti indetto da Porsche Italia presso il Gran Caffè Gambrinus, ideando un racconto ambientato nella Napoli degli anni trenta intitolato I vivi e i morti, che diventa la base di un romanzo edito da Graus Editore nel 2006, Le lacrime del pagliaccio, poi riedito l’anno successivo con il titolo Il senso del dolore: ha così inizio la serie di inchieste del Commissario Ricciardi. [fonte: Wikipedia]

 

Di cosa parla il libro?

Del giallista Maurizio De Giovanni pochi sanno che il suo primo libro fu Le lacrime del pagliaccio (Napoli, Graus Editore, marzo 2006). Fu Aldo Putignano a curarne le sorti e sebbene quell’acerbo lavoro non incontrasse del tutto l’approvazione generale, fu un primo passo assolutamente decisivo nell’affermazione del suo autore, che oggi è da molti considerato il maggior scrittore italiano di quel genere.

“Ti dicono che il protagonista del romanzo che stai per leggere – un commissario di pubblica sicurezza nella Napoli fascista – ha facoltà paranormali, ed è naturale che qualche dubbio ti venga. Voglio dire, non è leale che un poliziotto si metta a cercare indizi con la bacchetta da rabdomante e si faccia spifferare il nome del colpevole dalla tavoletta Ouija! Poi però ti metti a leggere e i dubbi piano piano svaniscono.

Innanzitutto il commissario Ricciardi il potere ce l’ha, ma non sempre gli serve a scoprire il delinquente di turno: a volte lo mette in condizione di imboccare la direzione giusta per le indagini, a volte nemmeno quello. Questo perché a Ricciardi capita di continuare a vedere, per giorni e settimane, i “fantasmi” delle persone morte di morte violenta, cristallizzati nel luogo dove hanno perso la vita e nell’azione che stavano compiendo in quel momento. Non è un bel vedere e non si può biasimare il commissario se si porta appresso un carattere mutanghero e a volte scontroso. Il che, unito a una strisciante vena d’insubordinazione nei confronti del potere, lo rende poco gradito ai superiori e rispettato dai subordinati.” [fonte: Ugo Mazzotta, in “MilanoNera”]

 

 

Disponibilità del libro (sempre aggiornato)

 

Su COMPROVENDOLIBRI

 

Questo sito web partecipa al Programma di affiliazione eBay e potrebbe percepire benefit fornendo collegamenti ai prodotti sui siti regionali di eBay.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

70 Sanremo. Storia fotografica del festival della canzone italiana

Una panoramica fatta di scatti eccezionali e storici su 70 Edizioni di Festival di Sanremo.

La prima edizione de “Il Signore degli Anelli” di Tolkien a 1,50 € al mercatino!

ROMA MERCATINO RIONALE DI VIA ANDREA DORIA Mercoledì 19 Giugno 2019 Si segnala una copia della prima edizione “regolare” de “Il Signore degli Anelli” di Tolkien venduta per 1,50 €.

“Le altissime torri” e la storia di Al-Qaeda di Lawrence Wright in bancarella

ROMA LARGO ENRICO FERMI IN ZONA MARCONI Bancarelle Giovedì 1 Febbraio 2024 Avvistato “Le altissime torri: come al-Qaeda giunse all’11 settembre”, di Lawrence Wright (Adelphi, 2007).

“Automodelli da collezione” di Bruno Libero Boracco al mercatino

MONTEROTONDO (ROMA) MERCATINO DELL’USATO Giovedì 25 Giugno 2020 “Automodelli da collezione” di Bruno Libero Boracco (CET-Clerico Editore, 1998), un libro-cult per gli amanti dell’auto-modellismo “statico” che apre un mondo di suggestioni.

l’Anonimo – I GIORNI DEL DILUVIO – Rusconi 1985 aldo moro brigate rosse br

“I giorni del diluvio” di Francesco Mazzola (Rusconi, 1985) è un memoriale in forma anonima, sulle Brigate Rosse e sul caso Moro. Secondo l’autore fu rastrellato da mani ignote. A nulla è valsa una ristampa nel 2007.