"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Alle nostre latitudini, c’è un sostanziale disinteresse verso un romanzo, American Dirt, di Jeanine Cummins (New York, Flatiron Books, 2020) che invece sul finire del Gennaio 2020 sta infiammando i media americani. Eppure il libro è uscito anche in Italia, con il titolo Il sale della Terra (Milano, Feltrinelli, 2020). L’argomento “proibito” è l’immigrazione messicana, che è in effetti tra i temi più sensibili dell’attuale mandato del presidente Donald J. Trump.

Il libro è stato ferocemente attaccato perché darebbe un’immagine banale e stereotipata dell’immigrato messicano. Dipingendolo solo nella sua miseria, come un individuo che in generale ha solo bisogno di aiuto e “non può dare nulla all’America” senza vedere l’altra faccia della medaglia, cioè “cosa invece possa dare all’America”. Le comunità messicane, ma anche fior di intellettuali, sono tutti sul piede di guerra. Oltretutto è venuto fuori che l’autrice (tra l’altro, bianca e non di origini messicane) ha avuto un anticipo di un milione di dollari, somma che generalmente non viene corrisposta ad un autore messicano in America. L’autrice ha subito non solo critiche ma anche minacce di morte ed il suo caso ha raggiunto la ribalta nazionale.

La polemica non sta attecchendo in Italia. Noi viviamo situazioni analoghe, per la verità, ma con altri interpreti. È come se durante una guerra in Italia un autore proponesse ad un editore nostrano un libro su un’altra guerra, in un’altra parte del mondo. Ad ogni modo il cacciatore di libri deve monitorare con attenzione il libro, perché la situazione potrebbe avere sviluppi inattesi.

[Si ringrazia A. C. per la pronta segnalazione]

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Beats, un introvabile di Gabriele Fergola – anzi due! No, tre!

Una prospettiva interessante è la cultura Beat vista da destra. Il libro ad hoc è “Beats”, di Gabriele Fergola (E.D.A.R.T., 1970), che definire raro è praticamente un eufemismo. Da sempre ricercato dai collezionisti di controcultura anni ’70. Copertina sconosciuta per Google, prima di adesso. E poi c’è “Antirisorgimento”.

Aldo Lo Presti: l’editore più elusivo che ci sia: mettetevi l’anima in pace, difficilmente avrete i suoi libri!

A tu per tu con un vero e proprio “elemento editoriale non identificato”, una figura la cui presenza influenza autori, editori e perfino le “cacce” bibliofile, editore egli stesso, anche se la parola lo fa quasi inorridire, fine conoscitore di libri (questo si potrà dire, almeno, no?): signore e signori: Aldo Lo Presti.

“Viaggio in India”: guida al viaggio sicuro di Stampa Alternativa (anni ’70): rarissimo

Negli ‘alternativi’ anni ’70 una delle mete preferite è l’India, ed ecco che la casa editrice di Marcello Baraghini propone “Viaggio in India”, al cui interno trovano spazio indirizzi di hotel, ostelli e ristoranti a buon mercato, oltre a consigli per non mettersi nei guai con le droghe o con il cambio al mercato nero, i vaccini da fare.

…su Amazon c’è il misterioso “Autoarchiterapia” di Ugo La Pietra

Quasi sconosciuto “Autoarchiterapia”, di Ugo La Pietra (Jabik & Colophon, 1975), un libro d’artista con soluzioni grafiche in anticipo sui tempi.

“Matteotti” di Piero Gobetti (1924): edizione originale del libro sequestrato dal Fascismo

“Matteotti” di Piero Gobetti (Torino, Gobetti Editore, 1924): ci sono collezionisti perennemente a caccia di una rara copia dell’edizione originale uscita appena dopo l’uccisione di Giacomo Matteotti.