"non esiste l'ultimo libro, ma solo il più recente"

 

Randy, di Robin de Puy (Veume, Hannibal Publishing, 2018).

 

Esemplare in asta su Catawiki – l’asta chiude alle h. 20:00 circa del 20 dicembre 2020.

 

Nel 2015, la fotografa ritrattista olandese Robin de Puy (nata nel 1986) stava viaggiando attraverso gli Stati Uniti in motocicletta per il suo libro If This is True ... Il suo viaggio di 8000 miglia su strada era quasi giunto al termine mentre guidava la sua moto dalle parti di Ely, Nevada, il 7 luglio 2015. Fu quella la notte dove scoprì Randy. Un magrissimo adolescente. Le passò accanto – veloce – ma in una frazione di secondo lei lo vide che non era come gli altri ragazzi. Doveva parlarci, capire chi fosse. Così fece.

A proposito di quel primo incontro scrisse:

Randy, un ragazzo dall’aria fragile, viso sorprendente, orecchie grandi; un cucciolo, un golden retriever in attesa che la palla venga lanciata, (troppo) ingenuo. ‘Posso fotografarti?’ Gli ho subito chiesto. La domanda è stata accolta con un’alzata di spalle e uno sguardo ansioso e curioso, uno sguardo che sembrava dire così tanto e così poco, poi ha detto di tutto cuore: “sì”.

De Puy fece così quello scatto, lasciando la città pochi giorni dopo, per non farvi più ritorno, almeno così credeva in quel momento. Tornata a casa ad Amsterdam, Randy le veniva in mente di continuo: era impossibile aver incontrato un ragazzo così e lasciarlo dopo quell’unico scatto.

Andò quindi di nuovo a trovarlo alla fine del 2016, poi di nuovo a febbraio 2017, e ancora a maggio 2017. Lo capovolge, lo scruta nell’intimità, coi fratelli, con gli amici, in auto, nel fienile, sul tetto di una casa, mentre corre per i campi o con lo sguardo assorto. Lui la lascia fare. Robin dirà:  “Mai prima d’ora ho incontrato qualcuno che mi dà così tanta corda, che si fa guardare e osservare come lui“.

 

Che cosa rappresenta Randy?

Randy è la personificazione dell’America rurale, della giovinezza acerba e selvaggia del deserto americano. La sua cruda adolescenza, ritratta senza le solite contaminazioni, senza i cliché dei nostri tempi, le stucchevoli convenzioni della buona società, risalta nel contesto del suo splendido territorio. Il “tipo” Randy è fatto di una bellezza sua e di nessun altro. La negazione assoluta di Instagram, di Tik Tok, di ogni omologazione propria di un’età. Randy è solo Randy. E Robin lo sa.

Questo catalogo non è raro, chissà se lo sarà mai. È solo un bellissimo libro che ferma il tempo e lo spazio. Potrebbe essere stato realizzato negli anni ’40, ’60, oppure ’80 e non si noterebbe la differenza. La fotografia vera è questa. Niente di più, ammesso che sia poco.

 

Disponibilità di ulteriori copie (sempre aggiornato)

 

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

William Golding IL SIGNORE DELLE MOSCHE Aldo Martello 1958. Prima edizione con l’introvabile cofanetto originale

https://www.ebay.it/itm/154322794675 Rara prima edizione italiana di un classico della letteratura mondiale. Chiedere conferma al venditore sull'edizione e sullo stato di conservazione del cofanetto, prima di effettuare l'acquisto.

Salone del libro usato di Milano: breve carrellata di immagini

Salone del libro usato di Milano (20 & 21 Gennaio 2018) Ecco, un po' alla rinfusa, immagini di copertine e suggestioni al volo che fanno sognare i bibliofili e i collezionisti.

Cinque titoli di J. D. Salinger che non ci dovrebbero essere

Cinque opere che tracciano la storia e il percorso dell’essere umano, questo il nuovo progetto di J. D. Salinger; apparsi al “Salone della Cultura” i titoli che ne sanciscono il mito.

“Nudo con filo spinato”, la fotografia sovversiva di Pëtr Pavlenskij

ROMA LIBRERIA FELTRINELLI – Viale Marconi – Lunedì 18 Novembre 2019 Avvistato “Nudo con filo spinato”, del fotografo ed artista sovversivo Petr Pavlenskij (Il Saggiatore).

“Grishjärta” di Nattramn: il libro cult del Depressive Black Metal

Scomparso da anni, esauritissimo nelle sue appena 200 copie numerate, il libro cult del Depressive Black Metal: “Grishjärta”, di Nattramn (Växjö, HAL, 2011) – alla scoperta di un cantante, poeta e illustratore svedese che ha fatto perdere le sue tracce.