"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Casa di foglie di Zampanò, Mark Z. Danielewski (Vicenza, Neri Pozza (?), 2013)

Magic moment per gli amanti dello scrittore americano Mark Z. Danielewski e del suo romanzo d’esordio Casa di foglie. Su eBay non molto tempo fa è apparsa una copia, in vendita a 150 €, dell’edizione Superbeat fuori commercio. Il titolo esatto recita: Casa di foglie di Zampanò e la copertina è completamente bianca. In realtà il libro uscì in Italia per Mondadori nel 2005 con una variopinta copertina. Tra i tanti fortunati della ormai mitica collana Strade bluCasa di foglie, è ormai considerato un libro cult che ha raggiunto valutazioni elevate negli ultimi dieci anni.

L’opera è un brillante esempio di letteratura ergodica, cosiddetta. Il testo, infatti, non è lineare e obbliga il lettore a riposizionamenti continui della pagina per poter continuare la lettura. La cosa più vicina al Futurismo che possiamo immaginare nel mondo di oggi.

Sussistono molti dubbi, non ancora del tutto chiariti, sulla paternità e autenticità di questa edizione Superbeat. Sembra che queste copie con la copertina bianca siano esemplari di una minuscola tiratura (forse poche decine di copie) stampati per essere inviati per recensione in attesa che l’editore Neri Pozza ne traesse un’edizione vera e propria nella celebre collana Superbeat. L’anno di stampa delle bozze dovrebbe essere pressappoco il 2013. Ma il progetto fu definitivamente annullato. Si può supporre che il nuovo editore non sia riuscito a trovare l’accordo con l’autore.

Tuttavia, per il cacciatore di libri incallito, ciò ha generato un oggetto della contesa appetibile e degno di attenzione. In attesa di maggiori chiarimenti e dettagli su come si è svolta veramente la vicenda. Chissà, magari la verità è ancora da raccontare…

 

 

Disponibilità del libro in varie edizioni (sempre aggiornato)

 

 

Su FIERA DEL LIBRO RARO

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“The Floating Piers” di Christo e Jeanne Claude: con un pezzetto originale della passerella originale montata sul Lago d’Iseo nel 2016

Dal 18 giugno al 3 luglio 2016, il Lago d’Iseo è stato reinventato. “The Floating Piers” consisteva in 100.000 metri quadrati di tessuto giallo brillante, trasportato da un sistema di banchine modulare di 220.000 cubi di polietilene ad alta densità che galleggiavano sulla superficie dell’acqua”. In asta il libro e un frammento originale dell’installazione.

“Chiama Radio Alice”: appare in vendita una copia del mitico libro cult delle radio libere: rarissimo

Sull’epopea delle radio libere e in particolare su Radio Alice c’è un libro pressoché introvabile, “Chiama Radio Alice”, di Marcello Berti (Lugo – RA, Walberti, 1977). Sebbene – stranamente – non faccia cenno a quei drammatici momenti del 12 marzo, il libro è una testimonianza fresca e genuina di quell’anno, e sfogliandolo sembra quasi di sentire parlare e trasmettere i giovani protagonisti di allora, Valerio, Mauro, Antonio, e le frequenze clandestine di una radio che ha fatto la storia della libera informazione.

“Mobili tipici moderni” uno straordinario catalogo di design degli anni ’30 in asta

Importante monografia sul lavoro di molti dei principali architetti e designer dell’epoca, tra cui Gio Ponti, Alvar Aalto, Walter Gropius, Josef Frank, Le Corbusier e Mies van der Rohe. In asta su Catawiki.

“Zagato” di Gianfranco Fagiuoli e Guido Gerosa al mercatino

MILANO FIERA DI SINIGAGLIA Sabato 21 Settembre 2019 Avvistato “Zagato: mezzo secolo di storia di un famoso carrozziere, dai leggendari bolidi di Varzi e Nuvolari alle favolose macchine di oggi”, di Gianfranco Fagiuoli e Guido Gerosa (Roma, L’Editrice dell’Automobile – Automobile Club d’Italia 1969).

È il ’77, bellezza! In asta su eBay un pezzo di storia di Tano D’Amico!

Segnalo una copia di “È il ’77”, con fotografie di Tano D’Amico (Roma, I libri del No, 1978). Si tratta di una assoluta rarità, poco nota anche agli “addetti ai lavori” collezionisti e cultori del Beat, anni ’70 e dintorni.