"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

Segnalazione Flash – Lo Hobbit in inglese stampato a Mosca

Interessante “mosca bianca” dell’opera di Tolkien: solo per collezionisti!

Hobbit or There and Back Again, di J. R. R. Tolkien (Mosca, Prosveschenie, 1982). Edizione russa in lingua inglese.

Lo Hobbit in inglese stampato a Mosca può apparire come un’edizione assai strana, al primo impatto. L’edizione si spiega con l’intento di voler introdurre le tematiche fantasy di un autore come J. R. R. Tolkien al lettore sovietico, viste le polemiche che sempre c’erano state sugli scritti di questo autore quando si cercava di spiegare le finalità e soprattutto le chiavi di lettura dei suoi romanzi. Tolkien, difatti, non ebbe vita facile nell’Unione Sovietica, e le opere complete, integralmente tradotte, si hanno solo dopo il 1990. Anche se prima di quell’anno certamente molte parti delle sue opere più famose sono state tradotte e pubblicate in russo, in varie edizioni.

L’edizione di Hobbit or There and Back Again in inglese di cui si parla, invece, fu stampata a Mosca nel 1982 da Prosveschenie, e illustrata da L. Chernyshov. C’è indicazione della tiratura – 75.000 copie – essendo un elemento imprescindibile nella bibliografia russo-sovietica. Può sembrare elevata ma va sempre rapportata al potenziale pubblico di riferimento di un paese delle dimensioni dell’URSS. Scrive l’editore: “L’autore della storia è un famoso studioso inglese, che si è dedicato al folklore medievale, combinando la fantasia popolare con la sua passione; l’autore racconta di gnomi, folletti, e di una ancestrale lotta fra il bene e il male, in dissenso verso la corruzione operata dal denaro”.

Qui una copia del libro in vendita su eBay (luogo: Mosca, Russia) al costo di circa 43 € spese postali incluse.

IMPORTANTE – Nelle segnalazioni di vendite ed aste si privilegia sempre quel materiale che dalle foto e dalle schede di vendita appare in ottime condizioni (oppure nelle migliori condizioni possibili data la rarità); ad ogni modo, si raccomanda vivamente di chiedere sempre al venditore ogni informazione rilevante (inclusa soprattutto l’edizione) prima di impegnarsi all’acquisto. Nel segnalare materiale di venditori stranieri si dà la precedenza a quei paesi più vicini e con un carico di spese potali più basso.

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

pamphlet antimonarchico – Emilio Settimelli – Saboia e Soci – ed. 1944 MOLTO RARO

Rarissimo opuscolo (26 pagine) di Emilio Settimelli (1891 – 1954) è stato uno scrittore fiorentino. A lui si deve la formulazione, in collaborazione con Tommaso Marinetti e Bruno Corra, dell’idea di Teatro Futurista. Edizione originale di un pamphlet di feroce tono antimonarchico (Domenico Cammarota).

Una leggenda per i comprovenditori: Eric Hebborn e i suoi due manuali

Il falsario d’arte Eric Hebborn ha generato due libri cult (entrambi usciti per Neri Pozza) che sono molto contesi dai comprovenditori e dai collezionisti. Le loro valutazioni si mantengono costantemente alte da anni.

Un “deca” (dieci sterline) di Banksy in asta su Catawiki: un pezzo da Museo

Banconota artistica stampata privatamente nel 2004 da Banksy. Tenner si può tradurre con “Deca”, cioè 10 Sterline. Presenta un ritratto della Principessa Diana che sostituisce quello della Regina sul davanti, mentre sul retro campeggia il ritratto di Charles Darwin e l’affermazione: “Non fidarti di nessuno”.

Scorci teutonici a Roma: “Territorii Tedeschi di Roma” di Anton Giulio Bragaglia (1918)

Raro e interessante. Il trono del Kaiser sul Campidoglio, Villa Bonaparte, Villa Malta, Santa Maria dell’Anima, Palazzo Venezia, Villa d’Este, Villa Falconieri, le due Ville Massimo, la Serpentara, il Cimitero Teutonico, le istituzioni germaniche in Roma. Collezione: I libri d’oggi.

“Fascino muliebre”: scritto quasi sconosciuto di Matilde Serao, influencer ante litteram per la ditta Bertelli & C.

Percorrendo, a ritroso, la storia d’Italia è possibile arrivare ad individuare qualche proto-influencer, la cui azione era limitata dai modesti “media” disponibili. Una di queste fu Matilde Serao (1856-927), scrittrice e giornalista, è ricordata per essere stata la prima donna a fondare e dirigere un quotidiano. Articolo di Alessandro Zontini.