"Se un libro scompare, magari vuole solo essere lasciato in pace"

 

Deve possedere almeno tre di questi sette requisiti

Come si trasforma un libro qualunque in un libro cult? Che domanda! Non c’è una ricetta, altrimenti tutti li produrrebbero in serie come le caramelle. Mi sembra evidente, no? Il libro cult non lo si può progettare a tavolino. Nasce spontaneamente quando si verificano alcune (o tutte) queste condizioni:

  1. tempistica perfetta, cioè il libro esce nel momento giusto per essere recepito;
  2. riempie un vuoto, ossia colma una lacuna esistente, una materia non ancora “coperta”, un punto di vista necessario ma non ancora espresso;
  3. si stampano poche copie, questo è un requisito importante, perché la circolazione del libro deve avere degli ostacoli (va bene anche se il libro riceve una restrizione da parte di qualche Tribunale);
  4. cristallizza un’epoca, cioè riesce a fermare il tempo, si fa voce perpetua di un’esigenza della società o di una parte di “popolazione umana” e ne delinea la sua collocazione temporale e storica;
  5. unisce due arti, per esempio un grande romanzo ma anche una copertina innovativa, che lascia il segno, o un design del libro stesso che rompe il consueto e fa epoca;
  6. un popolo disposto ad adorarlo, perché è evidente che non c’è religione senza adepti al culto, quindi deve svilupparsi un seguito.
  7. L’autore muore o cade in disgrazia.. Brutto scriverlo, ma le disavventure (di vario tipo) dell’autore incidono positivamente sullo status di cult del suo libro.

Ecco, quando tre/quattro/cinque di queste sei condizioni saranno soddisfatte, allora è molto probabile che quello che nasca possa sviluppare un’anima speciale. Così, alla fine, non avremo a che fare solo con un romanzo o una raccolta di poesie, e neanche con un libro, dopotutto, ma con un simbolo, una nuova forma di arte, forse, o una nuova tappa del pensiero. Nasce così un culto. E il libro che lo rappresenta si fa oggetto del desiderio.

Alcuni esempi di libri cult che vanno per la maggiore:

Per saperne di più:

 Il libro cult “Cento nuovi mattini”;

il libro cult “Io non scordo”;

il libro cult “Avene selvatiche”;

il libro cult “Costretti a sanguinare”

il libro cult “Alpinismo senza chiodi”

il libro cult “Accesso negato alla verità”

il libro cult “Alla ricerca dei cibi perduti”

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

Ayn Rand: una scrittrice che nessuno ricorda più, Donald Trump a parte!

Ayn Rand, scrittrice e filosofa americana di origine russa è oggi poco conosciuta e studiata in Europa, mentre in America è ancora un vero e proprio “faro” intellettuale per i politici più affermati – in Italia ebbe il momento di maggiore popolarità negli anni ’30 quando Baldini & Castoldi tradusse due suoi romanzi. Articolo di Alessandro Zontini.

Oggi 95 anni fa moriva Piero Gobetti. Segni particolari: autore, editore, traduttore, filosofo, genio!

Piero Gobetti (1901-1926) vita breve e intensa, intrisa di una passione politica febbrile. È questa la Storia di un italiano, brillante negli studi e nell’ingegno. Corporatura gracile con giacca sfatta dal peso dei libri. Un nerd con la visione lunga quanto un preveggente e con una capacità d’analisi della complessa situazione politica del tempo che ha avuto dello straordinario. Articolo di Massimiliano Tropeano.

“Grishjärta” di Nattramn: il libro cult del Depressive Black Metal

Scomparso da anni, esauritissimo nelle sue appena 200 copie numerate, il libro cult del Depressive Black Metal: “Grishjärta”, di Nattramn (Växjö, HAL, 2011) – alla scoperta di un cantante, poeta e illustratore svedese che ha fatto perdere le sue tracce.

Esce “Della il nome rosa” di Eco Umberto: un’edizione alfabetica!

A 40 anni dall’immortale romanzo di Umberto Eco (Bompiani, 1980), esce un’edizione alfabetica in altrettanti esemplari numerati dal titolo “Della il nome rosa”; un esempio di editoria concettuale. Le 172.425 parole che compongono il romanzo in ordine rigorosamente alfabetico.

Per la prima volta in italiano, “In questa grande epoca” di Karl Kraus

Esce per Marsilio “In questa grande epoca” di Karl Kraus, un irriverente e caustico pamphlet che mette il dito sulla piaga sulle inenarrabili atrocità della Grande Guerra. Per la prima volta tradotto in italiano.