"Sull'inutilità di certi libri sarebbe utile scrivere un libro"
Come si fa | Speciali  /  
25 Febbraio 2018

Come si fa a sapere se abbiamo in mano un “libro cult”?

Deve possedere almeno tre di questi sette requisiti

Come si trasforma un libro qualunque in un libro cult? Che domanda! Non c’è una ricetta, altrimenti tutti li produrrebbero in serie come le caramelle. Mi sembra evidente, no? Il libro cult non lo si può progettare a tavolino. Nasce spontaneamente quando si verificano alcune (o tutte) queste condizioni:

  1. tempistica perfetta, cioè il libro esce nel momento giusto per essere recepito;
  2. riempie un vuoto, ossia colma una lacuna esistente, una materia non ancora “coperta”, un punto di vista necessario ma non ancora espresso;
  3. si stampano poche copie, questo è un requisito importante, perché la circolazione del libro deve avere degli ostacoli (va bene anche se il libro riceve una restrizione da parte di qualche Tribunale);
  4. cristallizza un’epoca, cioè riesce a fermare il tempo, si fa voce perpetua di un’esigenza della società o di una parte di “popolazione umana” e ne delinea la sua collocazione temporale e storica;
  5. unisce due arti, per esempio un grande romanzo ma anche una copertina innovativa, che lascia il segno, o un design del libro stesso che rompe il consueto e fa epoca;
  6. un popolo disposto ad adorarlo, perché è evidente che non c’è religione senza adepti al culto, quindi deve svilupparsi un seguito.
  7. L’autore muore o cade in disgrazia.. Brutto scriverlo, ma le disavventure (di vario tipo) dell’autore incidono positivamente sullo status di cult del suo libro.

Ecco, quando tre/quattro/cinque di queste sei condizioni saranno soddisfatte, allora è molto probabile che quello che nasca possa sviluppare un’anima speciale. Così, alla fine, non avremo a che fare solo con un romanzo o una raccolta di poesie, e neanche con un libro, dopotutto, ma con un simbolo, una nuova forma di arte, forse, o una nuova tappa del pensiero. Nasce così un culto. E il libro che lo rappresenta si fa oggetto del desiderio.

Alcuni esempi di libri cult che vanno per la maggiore:

Per saperne di più:

 Il libro cult “Cento nuovi mattini”;

il libro cult “Io non scordo”;

il libro cult “Avene selvatiche”;

il libro cult “Costretti a sanguinare”

il libro cult “Alpinismo senza chiodi”

il libro cult “Accesso negato alla verità”

il libro cult “Alla ricerca dei cibi perduti”

Condividi:

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

…quando a Piazza Diaz (Milano) presi Lolita + allegato per 30.000 lire

MILANO MERCATINO DI PIAZZA DIAZ – Fine anni ’90 “Lolita”, di Vladimir Nabokov (Mondadori, 1959) con l’introvabile allegato (30 pagine) presi in coppia per 30.000 lire.

Condividi:

Un’edizione sconosciuta de “Il Corvo” di Edgar Allan Poe trovata al mercatino!

CASALE MONFERRATO (AL) – Mercatino dell’Antiquariato – Sabato 11 Maggio 2019 Scoperta un’edizione sconosciuta de “Il Corvo” di Edgar Allan Poe sul periodico napoletano “Il Roma della Domenica” del 1924.

Condividi:

“Sangue Marcio” di Antonio Manzini, un libro che non si trova

C’è un libro uscito per l’Editore Fazi di Roma nel 2005 che è praticamente scomparso di scena. Il titolo è “Sangue marcio”, di Antonio Manzini l’autore del già celebre Rocco Schiavone, Il burbero vicequestore protagonista di molti suoi romanzi (editi per Sellerio).

Condividi:

“Liliana Cavani: ogni possibile viaggio” di Francesca Brignoli in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 7 Ottobre 2018 Avvistata una copia di “Liliana Cavani: ogni possibile viaggio” di Francesca Brignoli (Recco, Le mani, 2011).

Condividi:

“Benito I° Imperatore” di Marco Ramperti in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 23 Giugno 2019 Su una bancarella di Via Parboni è stato avvistato “Benito I° Imperatore”, di Marco Ramperti (Editrice Scirè, 1950), un romanzo ucronico del noto giornalista e scrittore romano.

Condividi: