"Sull'inutilità di certi libri sarebbe utile scrivere un libro"
Focus  /  
01 Marzo 2018

“Alpinismo senza chiodi” di Bartolomeo Figari, il libro cult della montagna

Alpinismo senza chiodi, di Bartolomeo Figari (Bologna, Tamari, 1966).

Avevo già parlato in queste pagine di uno dei libri cult dell’arrampicata, individuandolo in Cento nuovi mattini di Alessandro Gogna (Bologna, Zanichelli, 1981). Potete leggere qui l’articolo. Proseguendo il discorso sullo stesso tema, è ora la volta di citare un altro testo mitico per gli appassionati di scalate e soprattutto per chi ricorda i tempi d’oro del primo alpinismo. Il libro in questione è Alpinismo senza chiodi, di Bartolomeo Figari (Bologna, Tamari, 1966).

Intanto parliamo dell’autore. Bartolomeo Figari (1881-1965), genovese, fu presidente generale del CAI (Club Alpino Italiano) e tra gli artefici della rinascita della storica associazione dopo la seconda guerra mondiale. Lui era al timone quando l’Italia salì sul K2 nel 1954, uno dei momenti più alti e significativi della storia dell’alpinismo nazionale. Fu fermo assertore delle scuole di alpinismo e di formazione giovanile. Morì nel 1965, lasciò tutte le sue sostanze al Corpo Nazionale del Soccorso Alpino.

Nella biblioteca di ogni appassionato di montagna

Alpinismo senza chiodi uscì l’anno successivo alla scomparsa del grande alpinista e può pienamente essere considerato il suo testamento spirituale. Non può mancare, e difatti mai manca, nella biblioteca di ogni appassionato di montagna, di ogni scalatore, di ogni storico delle Alpi che vuole davvero conoscere la storia; quando la montagna era la sfida tra il corpo dell’uomo e la nuda roccia, quando non c’erano indumenti tecnici, strumenti in lega, resina o materiali progettati al computer. Quando i veri chiodi erano dieci e avevano le unghie.

Il libro non è introvabile. Una volta tanto, fatemi scrivere che questa è una fortuna. Poiché è assolutamente necessario che possa essere trovato, letto e coccolato come un cimelio di cui non si può fare a meno. Tuttavia è chiaramente un libro cult per l’appassionato di montagna e scalate. Non l’unico, ma sicuramente tra i pochi che possono superare indenni i cinquant’anni di età e mantenere vivo il loro messaggio.

Al momento della pubblicazione del presente articolo ci sono alcune copie di Alpinismo senza chiodi di Bartolomeo Figari disponibili su eBay. La copia più conveniente è qui.

Ad oggi il libro non risulta ristampato. Considerando tutto, non credo che sarebbe una cattiva idea.

Condividi:

Tag

Aste

sempre aggiornate

Tolkien

Harry Potter

stephen king

Dracula

R. R. Martin

Futurismo

BIBLIOFILIA

Occasioni

In Scadenza

Altri articoli sul Blog

“Tre balletti senza musica, senza gente, senza niente” di Céline

ROMA MERCATINO DELLA GARBATELLA – 3 Aprile 2018 Dello scrittore Louis-Ferdinand Céline (1894-1961) è stata avvistata un’opera minore, “Tre balletti senza musica, senza gente, senza niente”, uscita nel 2005 per la casa editrice Archinto.

Condividi:

Appare di nuovo la tesi di Laurea di Umberto Eco, stavolta con lo sconto!

“Il problema estetico in San Tommaso” (Edizioni di “Filosofia”, 1956) è il primo libro scritto da Umberto Eco; già alcuni anni fa fu al centro di una speculazione (vennero richiesti centomila euro!); adesso torna alla ribalta…

Condividi:

“La profezia di Celestino” di James Redfield in bancarella

ROMA PORTA PORTESE Domenica 18 Novembre 2018 avvistato “La profezia di Celestino” di James Redfield (Milano, Corbaccio, 1994), un libro che ha fatto epoca nel cosiddetto filone New Age.

Condividi:

“I libri che hanno cambiato la storia”, un libro per chi ama i libri

Un interessante libro uscito nel 2017 è: “I libri che hanno cambiato la storia – Da I Ching a Il piccolo Principe” (Milano, Gribaudo, 2017). Una carrellata sui più importanti libri di tutti i tempi.

Condividi:

Lega Nord, Umberto Bossi e la satira graffiante nei libri degli anni ’90

I libri contro Umberto Bossi e il fenomeno Lega Nord degli anni ’90, quando il movimento leghista era una novità nel contesto politico e Bossi l’uomo nuovo che tutti imparavano a conoscere, sono poco considerati. Ne citerò sette per comprendere un fenomeno di fine secolo ben preciso. Lo spunto per una collezione.

Condividi: